Blitz di Salvini all'hotspot di Lampedusa: "Non è degno di un Paese civile"

Blitz di Salvini all’hotspot di Lampedusa: “Non è degno di un Paese civile”

 

LAMPEDUSA (AGRIGENTO) – Blitz di Salvini all’hotspot di Lampedusa: “Chi ha diritto di essere accolto è costretto a stare per terra, chi non ne ha diritto sbarca qui per la terza o quarta volta. E’ un business. Qui dovrebbero esserci 350 persone e invece ce ne sono più di 1.300, tutte ammassate”, ha detto il segretario della Lega, che è giunto sull’isola a sorpresa, senza essere stato precedentemente annunciato. “L’immigrazione – aggiunge il leader del Carroccio – è un fenomeno che può essere controllato, noi abbiamo dimostrato che contrastare il traffico di esseri umani è possibile, basta introdurre i decreti sicurezza”.

E non è tutto: “Questa – sottolinea Salvini – non è accoglienza, non è solidarietà, nonostante lo sforzo di poliziotti, carabinieri, finanzieri, associazioni. E’ una roba indegna di un Paese civile. Quei bimbi non dovrebbero essere lì per terra”.

Blitz di Salvini all’hotspot di Lampedusa: “Non è degno di un Paese civile”

“Reintrodurre i decreti sicurezza, per proteggere i confini italiani ed europei – aggiunge Salvini – sarà mia premura, perché lo abbiamo già fatto”.

“Ho scelto di venire a sorpresa – spiega infine l’ex ministro dell’interno – senza avvisare nessuno. L’altra volta, quando avevo avvisato, era tutto pulito, profumato e ordinato, non c’era nulla fuori posto. Da mezzanotte a ora ci sono stati 15 sbarchi organizzati, altri ce ne saranno. E’ indegno di un Paese civile”, conclude Matteo Salvini.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24