Bonafede garantisce che il processo su Rigopiano si farà

Bonafede garantisce che il processo su Rigopiano si farà

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

ROMA – Bonafede garantisce che il processo su Rigopiano si farà:

“Faremo il necessario per consentire il corretto svolgimento delle attività”.

Il ministro della Giustizia risponde così all’avvocato Romolo Reboa e, attraverso il suo capo di Gabinetto, invia una lettera al presidente del tribunale di Pescara, Angelo Bozza, e allo stesso Reboa assicurando che verrà fatto tutto il possibile.

Bonafede garantisce che il processo su Rigopiano si farà

Nei giorni scorsi Reboa, che assiste il superstite Giampaolo Matrone nonché i famigliari di alcune vittime, aveva chiesto di adottare tutte le misure possibili per garantire l’esecuzione della prossima udienza preliminare, prevista il 10 luglio, nonostante il distanziamento sociale imposto dall’attuale emergenza sanitaria. Così ha commentato Reboa:

“La lettera del ministro Bonafede è la dimostrazione che, se vi è la volontà politica, in Italia è possibile muovere qualcosa. Ora attendo di conoscere la posizione del sindaco di Pescara. Se infatti il presidente Bozza riterrà che non è possibile risolvere il problema allestendo l’aula magna Emilio Alessandrini, credo che gli spazi comunali siano la soluzione a basso costo più adeguata”.

Nella lettera scritta a Bozza e Bonafede, Reboa faceva presente quanto segue:

“Sarà impossibile celebrare il processo nel rispetto delle distanze sociali il 10 luglio 2020. E se la situazione epidemiologica non cambierà rapidamente, sarà impossibile celebrarlo per un tempo indefinito. Non solo. Alla ripresa dei lavori giudiziari non è difficile ipotizzare che l’aula sinora utilizzata sarà richiesta da molti magistrati. Rendendo ancora più difficile la già pesante attività giurisdizionale cui è sottoposto il gup Gianluca Sarandrea. L’esperienza dei grandi processi insegna che, quando non vi sono spazi adeguati per dimensioni o per esigenze di sicurezza nei tribunali, essi si celebrano in altro luogo (aule bunker nelle carceri, cinema)”.

Nei giorni scorsi il senatore del M5S Primo Di Nicola aveva ricordato Rigopiano in Aula e sul suo profilo Facebook.

Autore dell'articolo: Elena De Lellis

Avatar