esenzione canone rai

Canone Rai: cambiano le fasce di reddito per l’esenzione

Cambia la soglia di reddito, al rialzo, che dà diritto agli over 75 all’esenzione del canone Rai. E’ una svolta per molti pensionati.Tutto merito del  Decreto MEF 16 febbraio 2018 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 52/2018. Il redditto è stato innalzato dagli originari 6.713 euro a 8 mila. Gli esentati dal pagare il canone passano, quindi, da 115 mila a 350 mila.

Come richiedere l’esenzione

 Ci sono alcune precisazione da fare per poter richiedere correttamente l’esenzione dal canone Rai. Anzitutto, nel caso sia presente un coniuge, è necessario che la soglia di reddito massima fino alla quale è riconosciuta l’agevolazione non sia stata superata complessivamente nell’anno precedente alla richiesta di esenzione. Inoltre, chi beneficia dell’esenzione, non deve convivere con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio.
Se questi requisiti vengono accertati, ci di può rivolgere agli uffici dell’Agenzia delle Entrate per presentare una dichiarazione sostitutiva di richiesta di esenzione.
E’ possibile anche spedire una raccomandata, senza busta, al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate – Ufficio Torino 1 Sat – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22, 10121 -Torino. La richiesta deve essere redatta sul modello apposito e accompagnata da un documento di identità valido,

Termini di scadenza

Chi fruisce per la prima volta dell’esenzione dal canone Rai dovrà presentare la richiesta entro il 30 aprile. Per coloro che intendono invece beneficiarne a partire dal secondo semestre, la scadenza è fissata al 31 luglio.
Per gli anni successivi, invece, fermo restando le medesime condizioni di accesso alla domanda,  non è necessario presentare ulteriori dichiarazioni. Se invece, negli anni successivi alla presentazione della dichiarazione si perde il possesso dei requisiti per beneficiare della esenzione, è necessario versare il canone.

Infine, giova ricordare che chi attiverà per la prima volta un abbonamento al servizio radiotelevisivo, dovrà inviare la richiesta di esenzione entro 60 giorni dalla data in cui sorge l’obbligo di pagare il canone Rai.

VAI

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Davide Luciani