Capelli spenti e sottili per l'età? Combattili con queste semplici regole!

Capelli spenti e sottili per l’età? Combattili con queste semplici regole!

Capelli lunghi e folti? Sono tantissime le donne che anelano a questo obiettivo, e altrettanto numerosi sono i motivi: i capelli sono parte integrante dell’identità di una donna, ne esaltano e valorizzano bellezza e femminilità, nonostante il passare degli anni. Infatti, purtroppo, l’età incide sulle qualità del capello,  specialmente per colpa della menopausa, quando la carenza di estrogeni può alterare il ciclo di vita dei capelli.

Ma fare a crescere i capelli sani nonostante i segni dell’età? Immaginate il vostro cuoio capelluto come un terreno che dovrete coltivare, portando il nutrimento ai bulbi piliferi, ovvero i diretti responsabili della crescita del fusto. Ed ecco che la suddetta crescita avviene per via della salute del cuoio capelluto. Oggi vedremo quindi le semplici regole per creare un terreno sano, anche con l’avanzare dell’età, per far crescere i capelli lunghi e luminosi!

1. Usare i prodotti giusti

Innanzitutto i capelli non allungano né per magia né per grazia divina, e non esistono prodotti in grado di farli rinvigorire, ma piuttosto prodotti che possono sostenere la suddetta attività di crescita, nutrendo i bulbi, rinforzando lo stelo e dunque consentendovi di contare su una crescita di qualità dei capelli. Parliamo di prodotti come quelli appartenenti alla Linea TricoAGE di Bioscalin, che interviene sulla struttura dei capelli con un sistema rinforzante ed antietà per restituire volume, densità e vitalità alla fibra.

2. Evitare l’uso di phon e piastre

La messa in piega è una parte fondamentale del look di una donna, ma non per questo deve diventare un momento per vanificare tutte le fatiche affrontate per mantenere in salute la nostra chioma. In altri termini, abusando del phon e usandolo ad una distanza troppo ravvicinata disidraterete il fusto e di conseguenza gli provocherete grossi danni, indebolendolo. Ed il discorso vale ancor di più per le piastre per capelli, che invece dovreste sempre evitare di usare, perché bruciano la chioma e portano anche alla caduta prematura dei capelli.

3. Non legare troppo i capelli

Mirare ad un’acconciatura lunga e luminosa significa anche capire che i capelli, se trattati male, possono impedire questo risultato. Perché? Perché esistono tipologie di acconciature che li danneggiano e li portano a spezzarsi, come ad esempio le code di cavallo troppo strette, in quanto sono particolarmente stressanti. Il consiglio, dunque, è di evitare sempre di legare troppo stretti i capelli, anche per dare aria al cuoio capelluto.

4. Gli impacchi nutrienti

C’è un altro “trucchetto” che vi consentirà di coltivare il vostro cuoio capelluto, per arricchire i bulbi piliferi e per assicurarvi una crescita dei capelli sana, naturale ed efficiente: gli impacchi nutrienti e le maschere per i capelli, che possono appunto favorire l’assorbimento di quelle sostanze come le vitamine, che hanno un ruolo portante per quanto concerne la salute della chioma.

5. Le vitamine

I nutrienti naturali per capelli possono essere assunti in diversi modi: c’è chi utilizza gli shampoo, chi le maschere o gli integratori specifici. Quest’ultimi, sono popolari fra le donne in quanto favoriscono la crescita e impediscono che i capelli si spezzino. Il consiglio è quello di chiedere sempre un parere al vostro farmacista prima di sceglierne uno, così da essere certe che sia la cosa più giusta per voi. Questi sono metodi consigliatissimi, ma che devono essere sempre supportati da un’alimentazione idonea, basilare per poter vantare una chioma lunga e in salute. Anche in questo caso esistono alimenti come la frutta e le verdure perfette per le vitamine, ma anche il pesce risulta utile, per via del selenio.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.