Chip che rileva il gruppo sanguigno in pochi minuti

Chip che rileva il gruppo sanguigno in pochi minuti

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Allo studio un nuovo chip che rileva il gruppo sanguigno in pochi minuti. La trasfusione di sangue, se eseguita prontamente, è un intervento potenzialmente salvavita per qualcuno che ha perso molto sangue. Tuttavia, il sangue è disponibile in diversi tipi. Solo alcuni risultano compatibili con un determinato paziente. La trasfusione di un gruppo sanguigno incompatibile può danneggiare gravemente un paziente.

Pertanto, è fondamentale che il personale medico conosca il gruppo sanguigno di un paziente prima di eseguire una trasfusione. Esistono quattro principali gruppi sanguigni: O, A, B e AB. Questi tipi differiscono in base alla presenza o all’assenza di strutture chiamate antigeni A e antigeni B sulle superfici dei globuli rossi.

I professionisti medici di solito conoscono il gruppo sanguigno di un paziente con test che coinvolgono anticorpi contro gli antigeni A e B. Quando gli anticorpi riconoscono gli antigeni corrispondenti, si legano a essi, causando l’aggregazione delle cellule del sangue e la coagulazione dello stesso. Pertanto, specifiche combinazioni antigene-anticorpo ci dicono qual è il tipo di sangue di quel campione specifico.

Tuttavia, mentre il concetto sembra semplice, le attrezzature e le tecniche richieste sono spesso molto complesse. I test, pertanto, non sono portatili, comportano costi elevati per il personale e possono richiedere più di mezz’ora per ottenere risultati. Ciò può rivelarsi problematico in situazioni di emergenza, in cui ogni secondo perso può essere fatale. 

Chip che rileva il gruppo sanguigno in pochi minuti: come funziona

Al fine di risolvere questi problemi, un team di scienziati dell’Università giapponese di Tokyo, guidato dal Dr. Ken Yamamoto e dal Dr. Masahiro Motosuke, ha sviluppato un chip completamente automatizzato in grado di determinare rapidamente e in modo affidabile il gruppo sanguigno di un paziente. Il Dr. Motosuke e i suoi colleghi hanno sviluppato un chip compatto e rapido per riconoscere il gruppo sanguigno. Il chip contiene un “laboratorio” di dimensioni ridotte con vari scomparti attraverso i quali il campione di sangue viaggia in sequenza e viene elaborato fino ad ottenere i risultati.

Per avviare il processo, un utente inserisce semplicemente una piccola quantità di sangue, preme un pulsante e attende il risultato. All’interno del chip, il sangue viene prima diluito con una soluzione salina. Successivamente vengono introdotte bolle d’aria per favorire la miscelazione. Il sangue diluito viene trasportato in un omogeneizzatore dove un’ulteriore miscelazione, guidata da bolle più intensamente mobili, produce una soluzione uniforme. Parti della soluzione di sangue omogeneizzata vengono introdotte in quattro diverse camere del rivelatore. Due camere contengono ciascuna reagenti in grado di rilevare antigeni A o B. Una terza camera contiene reagenti che rilevano antigeni D. Una quarta camera contiene solo soluzione salina, senza reagente in cui l’utente non dovrebbe osservare alcun risultato.

Si osserverà quali camere hanno coagulato il sangue. Inoltre, non richiede apparecchiature ottiche specializzate per leggere i risultati. Durante i test, il team di ricerca ha esaminato campioni di sangue di 10 donatori e ha ottenuto risultati accurati per tutti e 10 i campioni. Il tempo necessario per determinare il gruppo sanguigno di un singolo campione era di soli cinque 5 minuti.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com