CIA le mani sulla droga, Air America corriere in Vietnam

Quando si sente parlare di “Air America”, c’è una buona probabilità che il film del 1990 con Mel Gibson e Robert Downey Jr. sia la prima cosa che viene in mente. La trama ruota intorno a due uomini che si trovano al centro della compagnia aerea privata della CIA, che viene utilizzata per fornire cibo, forniture e persino l’oppio, in un piccolo regno durante la guerra del Vietnam.

Ma cosa succederebbe se non fosse un semplice film?

Secondo il sito web dell’agenzia di intelligence, Air America è infatti descritta come “una compagnia aerea segretamente posseduta dalla CIA”, e utilizzata come “una componente vitale nelle operazioni dell’Agenzia” nel piccolo Regno del Sud-Est asiatico del 1955 Al 1974.

La versione presentata sul sito della CIA è scritta da William M. Leary, ex professore di storia dell’Università della Georgia.

Ha tentato di dissipare le voci accusando la cattiva immagine pubblica dell’Air America sul fatto che la versione blockbuster conteneva un ufficiale cinico della CIA.

“Il film descrive l’uomo della CIA come il possessore dell’oppio trasformato in eroina in una fabbrica propria, e preferita dei piloti dell’Air America. Il generale asiatico, in cambio, ha fornito gli uomini per combattere la guerra, oltre a un rimedio finanziario alla CIA “, ha scritto Leary. “In definitiva, impariamo che la guerra comunista e anticomunista a Laos è stata semplicemente una facciata per la vera guerra, che è stata combattuta per il controllo dei campi di oppio della zona”.

In un articolo di opinione per il New York Times del 1993, intitolato “Il collegamento della droga alla CIA è vecchio come l’Agenzia”, ​​Larry Collins ha osservato che la CIA ha avuto la sua mano nel commercio internazionale di droga dalla guerra coreana nel 1950, quando si scambiavano armi e eroina, in cambio di informazioni riservate.

Cia, usata la compagnia aerea per il trasporto della droga

In pratica e semplice intuire come la guerra del Vietnam iniziata nel 1955, e Collins notò che la CIA sembrava avere un interesse in mente: la coltivazione del papavero di oppio.

“Durante la guerra del Vietnam, le operazioni in Laos erano in gran parte una responsabilità della CIA”, ha scritto Collins. “Il surrogato dell’agenzia era un generale della Laos, Vang Pao, che comandava la Regione Militare 2 nel nord del Laos. Ha arruolato 30.000 tribù Hmong al servizio della CIA “.

L’operazione è stata discussa su un episodio della Frontline di PBS, intitolata “Guns, Drugs e la CIA”, che è stata trasmessa nel 1988. Il documentario ha esaminato la Meo Tribe, i cui membri sono stati i “soldati di un esercito segreto della CIA” Laos, appena oltre il confine con il Vietnam del Nord.

Ron Rickenbach, ex funzionario presso l’Agenzia Usa per lo Sviluppo Internazionale, ha servito il governo USA a Laos durante gli anni ’60. Ha detto a Frontline che, i soldati coinvolti, inizialmente credevano che fossero li perché era “nel migliore interesse dell’America”, anche se significava coinvolgere “in alcuni aspetti non tanto desiderabili del traffico di droga”.

Gli abitanti del Laos: schiavi della cia per coltivare oppio

“Queste persone erano disposte a prendere le armi. Avevamo bisogno di fermare la minaccia Rossa e la gente credeva che in quella vena abbiamo fatto alcuni compromessi per un bene dal valore più grande “, ha detto Rickenbach. “L’oppio crescente era un’impresa agricola naturale per queste persone e lo stavano facendo da molti anni prima che gli americani lo avessero mai trovato. Quando siamo arrivati, continuavano a farlo “.

Fred Platt, un ex pilota del Laos, ha detto:

“Quando un contadino ha piantato un intero raccolto di oppio, quello che ha ottenuto per il suo anno di lavoro è equivalente ad una media da 35 a 40 dollari Usa”, ha detto Platt. “Quella quantità di oppio, si raffinava in base morfina, poi in morfina, poi in eroina e comparve sulle strade di New York, quel coltivatore di oppio di 35 dollari sarebbe diventato di un valore circa pari a 50, 60 e cento mila dollari nel 1969, Forse un milione di dollari oggi. ”

Via