Operazione "Phantom ticket", Gdf Chieti scopre maxi frode fiscale

Clonava le carte di credito dei clienti, indagata famiglia di albergatori

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

RIMINI – Clonava le carte di credito dei clienti attraverso il Pos dell’hotel per utilizzarle e pagare i propri conti. Finisce nei guai una famiglia di albergatori di origine albanese, padre, madre e figlio, indagati dalla Guardia di Finanza di Rimini con l’accusa di truffa nei confronti dei clienti dell’albergo che avevano in gestione. Le Fiamme Gialle hanno dato esecuzione ad un decreto emesso dal Gip della città romagnola per il sequestro di oltre 145.000 euro nei confronti dei tre indagati legato all’indebito utilizzo e falsificazione di strumenti di pagamento diversi dai contanti.

Clonava le carte di credito dei clienti, indagata famiglia di albergatori

Secondo l’ipotesi investigativa, i due genitori e il figlio, che nel 2021 hanno gestito un hotel, avrebbero carpito i dati delle carte di credito e Bancomat con i quali ignari clienti avevano pagato i propri soggiorni, utilizzandoli per effettuare 150 transazioni non autorizzate. L’indagine è partita dalle molteplici denunce provenienti da varie parti d’Italia di turisti che, dopo aver soggiornato a Rimini, si sono accorti di anomali addebiti sulle loro carte. E’ emerso così, dalle indagini finanziarie, che le transazioni avvenivano con un’apparecchiatura Pos collegata al conto corrente della ditta individuale intestata al padre. La Guardia di Finanza ha quindi sequestrato conti correnti e carte prepagate, 8 immobili, 5 auto e 1 moto nella disponibilità degli indagati. Nella stagione 2022 la gestione dell’hotel è cambiata.

Leggi altre notizie di cronaca QUI.

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *