Continua la guerriglia armata

Continua la guerriglia armata fra Hamas e Israele

 

Continua la guerriglia armata fra Hamas e Israele. Resta elevata la tensione fra Israele e Hamas. Due razzi sono stati lanciati, ieri  dalla striscia di Gaza in direzione della citta ebraica di Ashqelon. Le forze militari Israeliane hanno intercettato e distrutto gli ordigni militari, prima che causassero morti. Dal canto suo, lo stato giudeo ha bombardato con i propri aerei, un campo di addestramento militare nei pressi di Rafah, a sud di Gaza. Non si hanno ancora notizie di vittime accertate. Il governo semita ha inoltre, inviato truppe militari a ridosso della Striscia. Ed in queste ore, ci sono stati ulteriori sviluppi della vicenda.

 

Fonte foto

Continua la guerriglia armata fra Hamas e Israele: lo stato giudeo ha risposto all’offensiva

La guerriglia fra le due nazioni non si è arrestata minimamente. Le forze di occupazione Giudaiche hanno fatto esplodere granate di lacrimogeni contro i lavoratori palestinesi,  al Sud Est della striscia di Gaza. Inoltre, dei bulldozer militari sono penetrati nell’area assediata. Secondo voci accertate, si tratta di 6 mezzi  corazzati provenienti  da una postazione militare a confine con Rafah. Le ruspe, già entrate in una terra di confine all’interno della striscia di Gaza hanno già innalzato diversi cumuli di terreno. Nel corso del Raid, i soldati ebrei hanno scagliato un attacco anche con i gas lacrimogeni verso dei lavoratori palestinesi. In quel momento, degli operai del luogo erano impegnati nella raccolta di materiale di risulta, vicino il presidio militare di Sofa.

Nessun cessato allarme

Uno dei portavoce dello stato Israeliano ha precisato: ” Fra gli obiettivi dei Raid ci sono una base militare di Hamas e un sito per la produzione di armi a khan Yunis”. “La nazione semita “- Ha aggiunto – ” Ritiene responsabile Hamas per ogni atto ostile proveniente dalla striscia di Gaza”. I consigli municipali delle città locali vicine alla Striscia hanno aperto dei rifugi per la popolazione, nella evenienza di altri attacchi.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24