Covid-19: le preoccupazioni dei genitori per i propri figli

Covid-19: le preoccupazioni dei genitori per i propri figli

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La Pandemia ha cambiato la vita di tutti noi. Questo è innegabile, ma spesso sottovalutiamo che anche e soprattutto i bambini ne risentiranno in negativo. Pertanto abbiamo deciso di raccogliere le preoccupazioni maggiori dei genitori riguardo i propri figli in questo anno “devastato” dal Covid-19. Molti bambini frequentano una scuola virtuale. Per questo motivo sono meno connessi fisicamente agli amici e ad attività come lo sport. La preoccupazione maggiore dei genitori è che i figli utilizzino durante questi periodi in modo eccessivo i social media passando molto tempo avanti ad un monitor. 

La classifica delle maggiori preoccupazioni dei genitori a causa del Covid-19

Uno studio condotto dall’Università di Michigan afferma che anche l‘etnia dei genitori influenza il tipo di preoccupazioni. Ad esempio, i genitori appartenenti a delle minoranze etniche hanno come prima preoccupazione il razzismo, mentre il Covid-19 è “solo” al secondo posto. Invece, per le famiglie caucasiche, c’è più preoccupazione per la mancanza di attività sportiva nelle scuole e il Coronavirus addirittura è all’ottavo posto delle preoccupazioni maggiori. La ricerca ha analizzato 2027 genitori con figli di età inferiore ai 18 anni. Come già anticipato, i genitori sono preoccupati anche per il tempo passati avanti ad un monitor.

Tuttavia in questo caso, la cosa più importante per il benessere anche psicologico è avere la possibilità di restare connessi con i propri amici. La tecnologia in questo senso può aiutare e non poco tutte quelle persone che si sentono sole. Tuttavia, i genitori dovrebbero stabilire regole di base e limiti chiari su come e quando i bambini possono utilizzare i dispositivi per garantire che non interrompano le abitudini del sonno, sostituiscano abitudini sane come l’attività fisica e che la privacy dei bambini sia protetta. Dovrebbero anche prestare attenzione a eventuali segni di cyberbullismo e altri tipi di abuso online.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com