DAZN

DAZN: Antitrust avvia Istruttoria per limitazioni tecniche

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

DAZN: l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato avvia procedimenti istruttori, per presunte violazioni, nei confronti delle società Perform Investment Limited e Perform Media Services S.r.l.

Roma – L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato procedimenti istruttori nei confronti del Gruppo Perform cioè DAZN; alla base del procedimento ci sono segnalazioni ricevute sia da singoli consumatori che da alcune Associazioni di consumatori. L’Antitrust sottopone a controllo le società Perform Investment Limited e Perform Media Services Srl per presunte pratiche commerciali scorrette e violazioni dei diritti dei consumatori.

Nello specifico il gruppo Perform (cioè DAZN) avrebbe pubblicizzato con eccessiva enfasi il concetto:

“quando vuoi, dove vuoi”.

La suddetta frase, nella sua semplicità, farebbe intendere, al consumatore abbonato, di poter utilizzare il servizio ovunque si trovi; tutto ciò omettendo le limitazioni tecniche che potrebbero subentrare e quindi impedirne o rendere difficoltosa la fruizione del servizio.

Inoltre, a detta dell’Antitrust, DAZN avrebbe promosso campagne pubblicitarie con contenuti ambigui od incompleti che inviterebbero a beneficiare di un

mese gratuito”.

Nello specifico, l’Antitrust contesta questi messaggi poiché indicherebbero la possibilità di poter fruire di un “mese gratuito” di offerta del servizio “senza contratto”; l’eccezione è che in realtà il consumatore stipula un contratto con rinnovo automatico, quindi con conseguente esigenza di esercitare l’eventuale recesso per non rinnovarlo.

Quindi, l’iscrizione e la successiva visione gratuita del primo mese ha come conseguenza l’automatico pagamento dell’abbonamento per i mesi successivi; quanto sopra descritto poiché il consumatore, creando l’account, darebbe inconsapevolmente il consenso all’abbonamento, dovendosi attivare per esercitare il recesso e quindi evitare gli addebiti automatici.

DAZN: le motivazioni dell’Antitrust

Riportiamo le testuali parole dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato:

“Tali comportamenti potrebbero integrare distinte pratiche commerciali scorrette in violazione degli artt. 21, 24 e 25 del Codice del Consumo, presentando sia profili di ingannevolezza rispetto alle informazioni comunicate dal professionista in merito alle caratteristiche tecniche di fruibilità del pacchetto e alle modalità di adesione all’offerta, che profili di aggressività, in quanto il professionista potrebbe aver esercitato un indebito condizionamento nei confronti dei consumatori che, accettando l’offerta per fruire gratuitamente il primo mese del servizio, potrebbero subire un addebito automatico quale conseguenza della sottoscrizione inconsapevole di un contratto”.

Ricordiamo che con DAZN è possibile vedere, tra l’altro, 3 partite per ogni “giornata” di Serie A e tutta la Serie B.

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".