decreto sostegno

Decreto sostegno, Min. Orlando: “rafforzamento reddito d’emergenza”

 

Il reddito di emergenza rientra nel prossimo decreto Sostegno per tre mensilità, con nuovi requisiti.

Novità annunciate dal ministro del Lavoro e del Welfare Andrea Orlando.

Entro la fine del mese di marzo è anche previsto un confronto con le parti sociali che dovrebbe servire ad avviare l’intervento sugli ammortizzatori sociali. Un considerevole rafforzamento del reddito di emergenza.

Decreto Sostegno: Reddito di emergenza rafforzato

Per affrontare la riforma degli ammortizzatori sociali, entro fine marzo, è previsto un confronto con le parti sociali e le Regioni.

Queste le parole del ministro Orlando: “La crisi sanitaria ed economica provocata dalla pandemia non si è trasformata in crisi sociale solo grazie al reddito di cittadinanza, al reddito d’emergenza e agli altri strumenti in campo durante l’emergenza. Bisogna fare ulteriori sforzi per integrare quest’ultimi.”

L’importo del reddito di emergenza può variare dai 400 agli 800 euro (840 se presente nel nucleo familiare un disabile).

La soglia massima dell’ammontare del beneficio sarà innalzata anche ai disoccupati che non godono di altri strumenti e che hanno terminato, tra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021, la Naspi o l’indennità di disoccupazione per i contratti cococo.

Si sta anche studiando una misura che dovrebbe permettere a chi percepisce il reddito di cittadinanza, di lavorare sospendendo il sussidio senza perderne il diritto e senza incorrere nella riduzione del suo importo.

I sindacati, intanto, hanno chiesto l’apertura di un tavolo per studiare come superare lo stop a quota 100. Inoltre si vorrebbe rendere i riders lavoratori dipendenti.

In numeri, cosa significa tutto questo?  Beneficiari del reddito di cittadinanza: un milione e mezzo di nuclei familiari. Beneficiari del Reddito di Emergenza: oltre trecentomila nuclei.

Al momento si tratta di ipotesi sui contenuti del decreto Sostegni a favore di impreselavoratori e famiglie, ma per le certezze occorre attendere forse la fine di questa settimana con il testo pubblicato nella gazzetta ufficiale.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24