Distanziamento sociale più probabile se hai i soldi

Distanziamento sociale più probabile se hai i soldi

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Una nuova ricerca dimostra che il distanziamento sociale è più probabile se si ha un reddito alto. “Il distanziamento sociale è un privilegio che viene fornito con risorse e ricchezza. La ricchezza non è distribuita equamente in America”, afferma Michal Grinstein-Weiss, professore e direttore del Social Policy Institute (SPI) presso la Washington University di St. Louis. “La ricchezza offre agli individui un’agenzia per compiere scelte, come il distanziamento sociale, che mantengono sani loro e le loro famiglie“. L’SPI ha intervistato circa 5.500 persone. Gli analizzati provengono da tutti i 50 stati degli Stati Uniti dal 27 aprile al 12 maggio.

Le attività liquide più basse lasciano le persone in grado di scegliere il reddito rispetto alla sicurezza della distanza sociale“, afferma Grinstein-Weiss. “Con l’aumentare del denaro, aumenta l’accessibilità alla distanza sociale“. Gli intervistati hanno anche rivelato altre perdite e difficoltà significative a causa della pandemia.

Distanziamento sociale più probabile nelle persone con alto reddito

Lo studio su campione rivela che le famiglie a basso e moderato reddito hanno ritardato i pagamenti delle abitazioni e dell’assistenza sanitaria. I proprietari di case ispaniche/latine avevano il doppio delle probabilità (14,1%) di essere sfrattati rispetto ai “bianchi” non ispanici (6,4%). La perdita di posti di lavoro ha colpito maggiormente gli ispanici/latini (27%) e gli individui a basso reddito (29%). Un lavoratore su tre ha dichiarato di lavorare di meno a causa della pandemia. I numeri, senza le dovute letture non significano niente. Proprio per questo, i ricercatori hanno dato il loro commento.

L’86% di questi ha dichiarato che il reddito era essenziale o importante per il proprio budget familiare. Il 34% delle persone che hanno perso il lavoro ha dichiarato insicurezza alimentare, dunque non possono arrivare sempre a fine mese. “Sebbene sia troppo presto per trarre conclusioni sugli impatti a lungo termine del virus, sappiamo che si tratta di situazioni aggravanti per le famiglie che stanno già vivendo vulnerabilità finanziaria, disuguaglianze di ricchezza e disuguaglianze di salute“, afferma Grinstein-Weiss. Nonostante, la pandemia da Covid-19 abbia colpito tutti, ancora una volta, quelli che ne fanno più le spese sono proprio i più poveri, o comunque quelli che hanno un reddito medio-basso.

 

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com