anticorpi monoclonali

Approvati due nuovi medicinali per la cura del Covid-19

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Approvati due nuovi medicinali per la cura del Covid-19. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha infatti raccomandato i farmaci “Baricitinib”, da somministrare con corticosteroidi, e “Sotrovimab”, da somministrare come una singola infusione endovenosa della durata di 30 minuti.

Una buona notizia, che si somma a quanto deciso nel febbraio 2021 dall’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA), quando aveva finalmente autorizzato in Europa l’uso degli anticorpi monoclonali. Adatti a curare pazienti gravemente affetti da Covid-19, al momento, sembrerebbero presentare effetti indesiderati lievi o moderati.

Gli anticorpi monoclonali, adottati precedentemente anche dall’ex presidente americano Donald Trump, possono essere usati in pazienti che non richiedono l’uso supplementare di ossigeno. Un secondo elemento fondamentale, ai fini della somministrazione, è rappresentato dall’essere considerato un soggetto ad alto rischio e con comorbidità.

Approvati due nuovi medicinali per la cura del Covid-19

In Italia, con decreto del ministro della Salute, Roberto Speranza, l’EMA aveva autorizzato il trattamento con questa terapia a partire dall’8 febbraio 2021. Ringraziando lo stesso ministro, anche il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) si era espresso contento dell’importante decisione presa per il nostro Paese:

“L’Italia oggi è al pari della Germania ed è avanti in questa nuova terapia. E io vorrei ringraziare Speranza che mi ha supportato su questo fronte”.

L’idea di creare questi farmaci è nata dall’aver individuato gli anticorpi nel sangue di chi è guarito dal virus. I primissimi risultati emersi sono stati definiti stimolanti e promettenti. Con l’approvazione sono arrivati i primi dati che hanno confermato l’azione del farmaco che arresta lo sviluppo dell’infezione, riduce la carica virale e impedisce la pericolosa fase infiammatoria. Lo scopo della somministrazione risulta essere una conseguente diminuzione di visite mediche correlate alla positività da Covid.

La terapia, infatti, deve essere somministrata nei primi giorni dell’infezione. Nei pazienti con grave quadro clinico conclamato, non hanno alcun effetto. Insieme alla campagna vaccinale in corso, che potrebbe a breve includere anche la quarta dose, avere a disposizione questi due nuovi farmaci e gli anticorpi monoclonali si spera possa essere un ulteriore segnale di luce in fondo al buio di questa ormai lunga pandemia.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24