Covid-19

Uno studio rivela un mix di farmaci antivirali per combattere SARS-COV-2

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Sebbene le nazioni ad alto reddito abbiano raggiunto alti tassi di vaccinazione, la distribuzione ineguale dei vaccini contro il COVID-19 ha lasciato i Paesi a basso reddito che lottano per immunizzare le loro popolazioni. Questa disparità nell’accesso ai vaccini è evidenziata dal fatto che solo il 2,3% degli individui nei Paesi a basso reddito ha ricevuto almeno una singola dose del vaccino. Fino a quando i vaccini non saranno disponibili per il resto della popolazione globale, i trattamenti antivirali efficaci contro il COVID-19 potrebbero aiutare a ridurre i decessi e persino i ricoveri ospedalieri. Inoltre, i trattamenti antivirali potrebbero svolgere un ruolo fondamentale nella pandemia, soprattutto in caso di comparsa di varianti SARS-CoV-2 resistenti ai vaccini.

Sebbene la Food and Drug Administration (FDA) abbia approvato alcuni trattamenti antivirali, questi presentano diverse carenze. Queste limitazioni includono la necessità di somministrazione endovenosa, disponibilità limitata, costi elevati ed effetti terapeutici limitati a una finestra temporale ristretta. Un recente studio pubblicato sulla rivista Viruses mostra che una combinazione di due farmaci antivirali, l’interferone alfa (IFN-α) e il nafamostat, è stata efficace nel combattere l’infezione da SARS-CoV-2.

I vantaggi della combinazione di farmaci antivirali

In contrasto con il rapido sviluppo dei vaccini COVID-19, i trattamenti antivirali testati contro il COVID-19 hanno mostrato finora un successo limitato. I trattamenti attualmente disponibili, come il remdesivir e gli anticorpi monoclonali, sono efficaci solo durante le prime fasi del COVID-19. Inoltre, esistono prove contrastanti sull’efficacia di remdesivir, mentre gli anticorpi monoclonali hanno mostrato un’efficacia limitata contro le nuove varianti di SARS-CoV-2.

Il limitato successo delle terapie a farmaco singolo, note anche come monoterapie, nel trattamento delle persone con COVID-19 ha portato i ricercatori a utilizzare una combinazione di questi farmaci. Le terapie combinate sono state impiegate contro varie malattie infettive a causa della loro efficacia simile o migliore contro l’agente infettivo a dosi inferiori rispetto ai singoli farmaci. In altre parole, l’utilizzo di due o più farmaci può produrre un effetto sinergico, dove l’effetto della combinazione di farmaci è maggiore della somma dell’effetto prodotto dai singoli farmaci. L’uso di dosi di farmaco inferiori nelle terapie combinate può comportare effetti collaterali più lievi e minori. Inoltre, le terapie combinate possono anche ridurre il rischio di comparsa di varianti farmacoresistenti.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com