Variante R.1 Sars-Cov-2

Origine del COVID-19, trovati antenati del SARS-COV-2 in Laos

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Da quando il SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19, è stato rilevato per la prima volta a Wuhan, in Cina, nel dicembre 2019, ci sono stati sforzi globali per determinarne le origini. Poiché si pensava che la pandemia avesse origine a Wuhan, molti sforzi si sono concentrati sulla Cina. Molti partono dal presupposto che, poiché il virus è stato rilevato per la prima volta lì, probabilmente è iniziato in quel Paese.

Ora, due articoli in fase di revisione dalla rivista Nature e pubblicati come preprint stanno mettendo in dubbio questi presupposti. Indicano che per scoprire le origini del virus, i ricercatori potrebbero dover guardare più lontano. Uno dei motivi per cui il SARS-CoV-2 è così infettivo riguarda la sua proteina spike che gli conferisce la capacità di legarsi a un recettore presente sulla superficie di molte cellule umane chiamato ACE2.

In un documento inviato a Nature, i ricercatori dell’Istituto Pasteur di Parigi, in Francia, e del Laos hanno ora riferito di aver trovato virus con domini di legame ai recettori molto simili a quelli trovati sul SARS-CoV-2 nei pipistrelli delle caverne nel nord del Laos. I ricercatori hanno prelevato sangue, saliva, feci anali e campioni di urina da 645 pipistrelli di 46 specie diverse trovate nelle grotte calcaree nel nord del Laos, vicino al confine sud-occidentale della Cina.

La scoperta sul Covid-19

Hanno scoperto tre ceppi di virus separati in tre diverse specie di pipistrello Rhinolophus, comunemente noto come pipistrello a ferro di cavallo. Il sequenziamento dell’RNA ha rivelato che questi virus erano identici per oltre il 95% al SARS-CoV-2 e uno, il virus più vicino al SARS-CoV-2 trovato finora, era simile al 96,8%. Ulteriori esperimenti hanno mostrato che il dominio di legame del recettore dei virus aveva un’elevata affinità per i recettori ACE2 umani. Questo era paragonabile all’affinità dei ceppi di SARS-CoV-2 che gli scienziati hanno scoperto all’inizio della pandemia, suggerendo che questi virus potrebbero infettare direttamente gli esseri umani.

L’anno scorso, gli scienziati hanno rilevato un virus simile nello Yunnan, nel sud-ovest della Cina. Era il 96,1% simile al SARS-CoV-2. Il prof. Edward Holmes dell’Università di Sydney, in Australia, che ha studiato l’emergenza e la diffusione del SARS-CoV-2 ma non è stato coinvolto in questa ricerca, ha dichiarato a Medical News Today che il documento è “davvero significativo“. “Secondo me, questi virus non si troveranno solo nei pipistrelli. Sospetto che ne troveranno anche in altre specie di mammiferi, ma non sono ancora stati campionati“, ha detto il prof. Holmes.

Alcuni di questi virus laotiani sono estremamente simili al Covid-19 nel dominio di legame del recettore chiave (parte della proteina spike) del virus. Ciò significa che il nucleo funzionale del virus esiste in natura, quindi non c’è bisogno di pensare che il virus sia stato in qualche modo creato o adattato in un laboratorio“.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com