Impatti ambientali e socio-economici del Covid-19

Impatti ambientali e socio-economici del Covid-19

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Un nuovo studio mostra gli impatti ambientali e socio-economici legati al nuovo Coronavirus. Il gruppo internazionale di ricercatori, utilizzando un modello globale e altamente dettagliato, ha scoperto che il settore più colpito è stato il settore dei viaggi. Le regioni di Asia, Europa, Stati Uniti, hanno subito importanti effetti moltiplicatori a cascata nell’intera economia mondiale a causa della globalizzazione. La perdita di connettività imposta per prevenire la diffusione del virus innesca un “contagio” economico. Ciò causa gravi perturbazioni nei settori del commercio, del turismo, dell’energia e della finanza. Inoltre, tutto ciò accade allentando al contempo le pressioni ambientali maggiormente in alcune delle aree più colpite.

Questo studio ha analizzato dei dati raccolti fino al 22 maggio, all’epoca in tempo reale. Gli impatti vengono valutati in base all’analisi degli scenari e proiezioni su ciò che può accadere. Rappresenta, di fatto, il primo studio al mondo a fornire una panoramica degli impatti economici, sociali e ambientali combinati, compresi gli effetti indiretti, del coronavirus. La rivista scientifica internazionale PLOS ONE. ha pubblicato i risultati degli studi. I numeri di per sé, sono difficili da “decifrare”, pertanto conviene fare affidamento alle parole degli autori. Essi hanno “letto” i numeri dando una spiegazione a quanto sta accadendo. 

Impatti ambientali e socio-economici del Covid-19: cosa dicono i ricercatori?

L’autrice, la dott.ssa Arunima Malik, della Integrated Sustainability Analysis (ISA) e della University of Sydney Business School, ha affermato che l’esperienza di precedenti shock finanziari ha mostrato che, senza cambiamenti strutturali, è improbabile che si possano sostenere guadagni ambientali durante la ripresa economica.Stiamo vivendo il peggior shock economico dopo la Grande Depressione. Allo stesso tempo abbiamo sperimentato il più grande calo delle emissioni di gas serra da quando è iniziata la combustione di combustibili fossili“, ha detto la dottoressa Malik.

Con il nome Grande Depressione, nota con il nome di Crollo Wall Street, si intende la grave crisi finanziaria verificata tra il 1873 e il 1895.Oltre all’improvviso calo dei cambiamenti climatici che induce i gas a effetto serra, la prevenzione delle morti per inquinamento atmosferico è di grande importanza. Il contrasto tra le variabili socio-economiche e ambientali rivela il dilemma del sistema socio-economico globale. Il nostro studio evidenzia la natura interconnessa delle catene di approvvigionamento internazionali, con effetti di ricaduta globali osservabili in una vasta gamma di settori industriali, come quello manifatturiero , turismo e trasporti“.

 

Fonte immagine copertina: Pixabay

 

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com