calcio introiti al ribasso

Donnarumma alla Juve, questa la bomba di Top Calcio 24

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Donnarumma alla Juve è la bomba di mercato lanciata dalla trasmissione del canale Top Calcio 24. Il portiere del Milan e della Nazionale azzurra, non ha trovato ancora un accordo con il suo club di appartenenza. Gigio non ha trovato l’accordo con il suo club. Mino Raiola ha chiesto un ingaggio super per il suo assistito. I rossoneri non vogliono partecipare ad un’asta. A questo punto, il suo procuratore si è rivolto altrove. Nel caso di mancato rinnovo contrattuale con il Milan, il futuro di Donnarumma potrebbe essere sempre in Italia. La soluzione sarebbe proprio la Vecchia Signora.

Donnarumma alla Juve è la super bomba di mercato

Secondo quanto sottolineato da Giordano Mischi, ai microfoni di ‘Top Calcio 24’ ci sarebbe addirittura un accordo totale. “Una fonte certa mi ha assicurato che è già stato trovato l’accordo totale, tra Donnarumma ed il club bianconero”. Il giornalista ha poi proseguito dando anche altri numeri importanti. “Lo stipendio sarà di circa 9,5 milioni di euro a stagione”. Una cifra pazzesca, ma in linea con i top player. Per ciò che concerne Mino Raiola, il procuratore andranno 20 milioni di euro. Parte di essi andranno al padre di Donnarumma, Alfredo. Con questa soluzione si dovrebbe chiudere il cerchio.

Andrà cosi?

Dovesse chiudersi cosi, la Juventus farebbe un super colpo a parametro zero. In questo caso, conseguentemente verrebbe ceduto Szczsney. Per il polacco si potrebbero aprire le porte della Premier League. Su di lui è vivo l’interesse del Tottenham, che per averlo dovrebbe staccare un assegno da 30-35 milioni di euro. La Juve metterebbe a segno una delle prossime plusvalenze, utili a sistemare il bilancio, segnato dagli effetti della pandemia. Un fattore che coinvolge tutti i club, che per ovviare al problema, dovranno per forza, “inventarsi” qualcosa, utilizzando la fantasia.

Autore dell'articolo: Marco Tavolacci