Elden Ring: pregi e difetti del gioco più trend del momento

Elden Ring: pregi e difetti del gioco più trend del momento

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Dopo l’hype, le lodi e l’amore diffuso per Elden Ring, arriva un’inevitabile nota di contraccolpo. Non è mai stato così con i grandi giochi, ma sembra essere particolarmente inevitabile quando è coinvolto FromSoftware. Parliamo di The Discourse: il nemico più duro in un gioco Souls. Questa volta, tuttavia, la conversazione non riguarda la difficoltà. Piuttosto è l’esperienza dell’utente che ha subito più critiche in assoluto.

Mi riferisco principalmente a questo scambio ampiamente condiviso tra un gruppo di sviluppatori, che vede Elden Ring e la sua alta colonna sonora di Metacritic attraverso l’obiettivo del proprio lavoro. Com’era prevedibile, ha causato un accumulo sconveniente, che come sempre manca del tutto il punto. Questo non è un insulto a Elden Ring e ai suoi giocatori. Inutile dire che i giochi dovrebbero avere una buona interfaccia utente. Dovrebbero essere il più accessibile possibile per un pubblico il più ampio possibile. Ma un gioco più facile da capire per un pubblico meno esperto non lo rende un gioco migliore. Non decuplica le vendite, ma rende più probabile che attiri un numero maggiore di persone, il che in teoria aumenta i suoi potenziali profitti di vendita.

Elden Ring: cosa manca per essere il gioco perfetto?

Quindi posso capire perfettamente la frustrazione di un designer UX quando arriva un gioco che nasconde il suo tutorial in un buco. Questo è esattamente il motivo per cui i giochi FromSoftware sono diventati così popolari: il modo in cui sembrano storcere il naso alle convenzioni. Si basano sulla convinzione fondamentale che i giocatori siano in grado di risolvere queste cose da soli e che un gioco sia molto più gratificante quando lo fanno.

I tutorial che ci fanno accovacciare sotto gli anabbaglianti e impongono un’uccisione furtiva esplicativa dall’erba alta, le onnipresenti varianti della modalità detective e indicatori di obiettivo e icone della mappa; gli interruttori di difficoltà del menu di pausa, i suggerimenti della schermata di caricamento, il protagonista che ci guida al compito successivo o che offre soluzioni di puzzle perché siamo rimasti fermi per 20 secondi: i giochi FromSoft si distinguono. Erano una boccata d’aria fresca anche prima che Elden Ring ci portasse in uno dei più bei Open World mai creati.

Niente di tutto questo ha lo scopo di scusare l’UX di Elden Ring. Ho trascorso centinaia di ore nei giochi di FromSoft e anche io sono stato confuso dai menu del suo nuovo gioco. Se avessi 100 Rune per ogni volta che avessi provato a chiudere la mappa con lo stesso pulsante che apre la mappa, sarei stato al livello massimo già da un pezzo. Il gioco offre così tanto altrove che si sopportano le sue debolezze. Penso che sia un gioco completamente equo, indipendentemente da chi lavori o dal gioco che hai recentemente distribuito.

Di solito le prime domande da farsi sono: il gioco è facile da capire? Il giocatore sa cosa sta facendo, dove sta andando e come arrivarci e farlo? In caso negativo, come potrebbero essere migliorate queste cose? Anche prima del rilascio ufficiale, è probabile che uno sviluppatore abbia eseguito alcuni test con una cerchia ristretta di utenti. In questo modo vedono come i giocatori rispondono ai segnali che un gioco sta dando loro e apportano modifiche di conseguenza.

Il fatto che FromSoft ignori i volumi di guida sulle migliori pratiche su cui si è stabilita l’industria dei giochi non significa che Elden Ring non meriti la sua accoglienza. Né significa che gli altri stiano sbagliando, o che gli sviluppatori abbiano torto a dedicare tempo all’interfaccia utente. C’è spazio per la coesistenza di entrambi e, francamente, sono grato che entrambi lo facciano.

Fonte immagine copertina: sito ufficiale Elden Ring

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com