Ellie Goldstein: la nuova modella di Gucci

Ellie Goldstein: la nuova modella di Gucci

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Ellie Goldstein è diventata la nuova modella di Gucci. La notizia sembrerebbe priva di interesse: la classica modella diciottenne che firma per una grande casa di moda. Invece no: Ellie Goldstein è un simbolo. La ragazza, nata in una cittadina di Essex, a nord di Londra, è affetta da sindrome di Down.

Gucci ha scelto Ellie come volto per la campagna beauty del mascara L’Obscur, che presto apparirà sulla rivista Vouge Italia. La casa italiana non è nuova a queste scelte: in passato ha deciso di collaborare con modelli che non rispettassero i canoni di bellezza imposti dal mondo della moda. Si è giustamente puntato su autenticità e bellezza vera, piuttosto che soggetti tutti uguali e un po’ finti. La spinta decisiva per questo cambiamento è arrivato nel 2015 con la nomina a direttore creativo di Alessandro Michele.

 

La vita di Ellie Goldstein, la nuova modella di Gucci

Nel 2017 firma il primo contratto con un’agenzia che rappresenta persone con disabilità, la Zebedee Management. Ha prestato il suo volto per campagne di Vodafone e Nike. L’aspetto che più colpisce è la sua capacità di andare oltre la sindrome di Down, che l’ha resa diversa dal prototipo di modella, ma per questo unica. E’ stata capace di raggiungere il suo sogno, l’alta moda, continuando però a studiare: è iscritta alla facoltà di arti perfomative di Redbridge a Londra.

Si è fatta notare dalla casa di moda in occasione dello scouting promosso su Instagram da Gucci Beauty e Vogue Italia. E’ riuscita a sfatare il taboo e le regole, superando per fama molte colleghe; le case di moda ormai se la contendono per le loro sfilate. Un vero e proprio fenomeno sociale. Ha saputo superare i pregiudizi e le difficoltà, dimostrando che la sindrome non è un ostacolo, ma appunto un valore che la rende unica.

Un esempio di forza, coraggio e determinazione per tutti, disabili e non.

 

Potrebbe interessare anche questo articolo.

Fonte immagine.

Autore dell'articolo: Martina Guarneri

Avatar