Genoa: decisione esagerata per Gudmundsson, ecco quante partite salterà

 

Il Genoa pareggia rocambolescamente e beffardamente 3-3 contro il Parma nell’ultima giornata di campionato di Serie B e allo stesso tempo perde anche uno dei protagonisti di questo avvio. Ma andiamo con ordine: il Genoa è in vantaggio 3-2 quando il Parma trova il pari al minuto 89. Dopo 3 minuti altra beffa per il Genoa, viene espulso Albert Gudmundsson per comportamento scorretto nei confronti di un avversario e per avere all’atto del provvedimento di espulsione, rivolto al direttore di gara un’espressione ingiuriosa. Il Genoa lo perde addirittura per 3 giornate! Questa la decisione del giudice sportivo in base a quello che ha riportato il direttore di gara.

Ecco quali parite salterà Gudmundsson

Gudmundsson, uno dei migliori nel finale di stagione dello scorso anno e uno dei migliori di questo avvio di campionato, nel finale di Genoa-Parma è stato espulso e ha protestato in maniera poco opportuna contro il direttore di gara rimediando addirittura 3 giornate di squalifica. Per Gudmundsson, dunque, stop prolungato: oltre alla partita col Palermo, salterà anche quella con il Modena e la trasferta di Ferrara contro la Spal, che arriverà dopo la sosta per le nazionali. Un problema in più nell’assetto tattico di Blessin che dovrà ridisegnare la squadra già a partire dalla calda partita di Palermo. Probabilmente il giocatore poteva avere un pò più di accortezza, ma anche l’arbitro avrebbe potuto valutare e calcolare il momento della gara, concitata e con diversi capovolgimenti di fronte. Palermo-Genoa in arrivo senza uno dei protagonisti principali, ma sempre una partita dai mille significati e dalle mille emozioni, in una cornice di pubblico importante come quella del Renzo Barbera.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Milano