gli esseri umani stanno sviluppando una nuova arteria

Gli esseri umani stanno sviluppando una nuova arteria

 

Un team di scienziati della Flinders University e dell’Università di Adelaide in Australia ha scoperto che gli esseri umani stanno sviluppando una nuova arteria. Dunque, si potrebbe parlare di una scoperta che evidenzia il continuo evolversi – in questo caso –  dell’uomo. Nello specifico, si tratta di una vena che si sta sviluppando nell’avambraccio.

Gli esseri umani stanno sviluppando una nuova arteria: i dettagli

Prima che i bambini nascano, un’arteria mediana che scorre lungo l’avambraccio fornisce sangue alle loro mani. Ma poco dopo la nascita, l’arteria in questione, nella maggior parte delle persone svanisce per lasciare il posto ad altre due. Ebbene, una ricerca pubblicata il mese scorso sul Journal of Anatomy mostra che la percentuale di persone che conservano la propria arteria mediana è in crescita almeno dal XVIII secolo. Si tratta quindi della prova che la nostra specie sta continuando a sviluppare nuovi tratti biologici. L’autore dello studio, Maciej Henneberg, nonché specialista di anatomia presso la University of Adelaide Medical School, ha rilasciato alcune parole in merito. Ecco quanto da lui dichiarato:

“Questa è una microevoluzione negli esseri umani moderni e l’arteria mediana è un perfetto esempio di come ci stiamo ancora evolvendo. Perché le persone nate più di recente hanno una maggiore prevalenza di questa arteria rispetto agli esseri umani delle generazioni precedenti “.

I dati su cui si basa la scoperta

Sulla base delle registrazioni esistenti e delle nuove analisi dei cadaveri, il team di Henneberg ha scoperto che solo il 10% delle persone nate nel 1880 conservava la propria arteria mediana. Mentre il 30% di quelle nate alla fine del XX secolo aveva questa “caratteristica”. Analizzando tali numeri, il team conclude che questo è il tasso più veloce con cui l’umanità si è evoluta negli ultimi 250 anni. E se la tendenza continua, le persone con  un’arteria mediana nell’avambraccio diventeranno una “normalità” piuttosto che l’eccezione. Nonostante sia una scoperta sensazionale, potrebbe comportare complicazioni mediche. Infatti l’arteria mediana è da ricondurre a casi dolorosi di sindrome del tunnel carpale. In un comunicato stampa, il coautore dello studio e l’anatomista e archeologo della Flinders University Teghan Lucas ha affermato:

“Questo aumento potrebbe essere il risultato di mutazioni di geni coinvolti nello sviluppo dell’arteria mediana o problemi di salute nelle madri durante la gravidanza, o entrambi in realtà. Se questa tendenza continua, la maggioranza delle persone avrà l’arteria mediana dell’avambraccio entro il 2100”.

Fonte foto: pixabay

Colla di fotoni, una nuova ed affascinante scoperta

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Emanuela Acri

Grafica pubblicitaria, ha svolto gli studi all'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e quella di Lecce, concludendo il percorso con il massimo dei voti. Appassionata di film horror e serie TV, collabora con alcuni siti online nella realizzazione di articoli di diversi argomenti,