GP Azerbaigian Formula 1 2019

GP Azerbaigian Formula 1 2019: gli appunti Brembo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il GP Azerbaigian Formula 1 2019 analizzato dalla Brembo

Baku, lì 27/04/2019 – GP Azerbaigian Formula 1 2019.

Ai raggi X l’impegno dei sistemi frenanti delle monoposto di Formula 1 al Baku City Circuit.

Il Baku City Circuit ospita la terza edizione del GP Azerbaigian che rappresenta il 4° appuntamento del Mondiale 2019 di Formula 1.

​Nel 2016, infatti, la gara di Baku assunse la denominazione di GP Europa. La pista, disegnata dall’architetto Hermann Tilke, si snoda lungo le pittoresche vie di Baku.

[adrotate banner=”37″]

L’infinito rettilineo d’arrivo (oltre 2 km) permette di ottenere altissime velocità ma in generale tutta la pista è all’insegna del pedale dell’acceleratore, come dimostra il 56% della gara disputata a gas spalancato: in qualifica nel 2017 Lewis Hamilton ha realizzato un giro ad una media di oltre 214 km/h.

​Il tracciato presenta anche molte curve tecniche. Nella curva 8 e nella curva 15 la precisione nella frenata è fondamentale per non picchiare contro i muri che in quei punti sono vicinissimi.

​Il layout prevede 4 curve iniziali a 90 gradi in cui i freni sopportano grandi sollecitazioni e le successive in cui l’angolazione cambia di continuo e di conseguenza anche l’impiego dei freni. Secondo i tecnici Brembo, che hanno classificato le 21 piste del Mondiale, il Baku City Circuit è un circuito altamente impegnativo per i freni.

GP Azerbaigian Formula 1 2019 freni

L’impegno dei freni durante il GP Azerbaigian Formula 1 2019

Le 11 frenate di ogni giro e l’estrema lunghezza della pista (oltre 6 km) comportano un impiego dei freni di oltre 19 secondi e mezzo per giro: sono quasi 7 secondi in più del Circuit Gilles-Villeneuve di Montreal, considerato uno dei più stressanti per i freni. ​

In realtà, però, l’incidenza percentuale dei freni sulla durata della gara è quasi simile: 19% a Baku, 18% in Canada. La media sul giro delle decelerazioni massime è invece di soli 3,7 g a causa della presenza di un’unica staccata con decelerazione di almeno 4,8 g e della presenza di due curve con decelerazioni che non superano gli 1,7 g.

L​’energia dissipata in staccata da ogni vettura durante l’intero GP è di 249 kWh, il quarto valore più alto del
campionato.

Dalla partenza alla bandiera a scacchi i tecnici Brembo hanno stimato che ciascun pilota eserciterà in totale
un carico di 53 tonnellate sul pedale del freno.

​Le frenate più impegnative GP Azerbaigian Formula 1 2019

Delle 11 frenate del Baku City Circuit Circuit 4 sono classificate come impegnative per i freni, 4 sono di media difficoltà e 3 sono light.

La più dura per l’impianto frenante è quella alla curva 3: le monoposto vi arrivano a 320 km/h e in soli 2,31 secondi scendono a 99 km/h. Per riuscirci i piloti esercitano un carico di 141 kg sul pedale del freno e subiscono una decelerazione di 4,7 g. Con il freno pigiato le vetture percorrono appena 115 metri.

Il carico sul pedale del freno è più basso alla prima curva (131 kg) ma la decelerazione è di 5,5 g nonostante la diminuzione di velocità sia inferiore; così come il tempo di ricorso ai freni: 1,84 secondi per passare da 330 km/h a 124 km/h. Di conseguenza è più breve anche lo spazio di frenata, 106 metri.
​ ​ ​
Più lunga di tutte è la frenata alla curva 15: 125 metri e 2,67 secondi ed elevato è anche l’impegno richiesto al pilota: la decelerazione è di 4,7 g e il carico sul pedale del freno di 161 kg. ​

Prestazioni Brembo

Il GP Azerbaigian è diventato il 35° GP differente vinto da una monoposto con freni Brembo. Il primato spetta al GP Monaco, conquistato ben 26 volte dai freni italiani.
​Dal 1975, stagione d’esordio dei freni Brembo in Formula 1, gli impianti frenanti Brembo hanno conquistato 407 GP, 91 dei quali con Michael Schumacher.

Altre notizie di motori sulla pagina del sito.

GP Azerbaigian Formula 1 2019 carta

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".