GP Monaco: Perez vince a Monte Carlo, Leclerc quarto

GP Monaco: Perez vince a Monte Carlo, Leclerc quarto

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il GP di Monaco è stato condizionato dalla pioggia nelle fasi iniziali. La partenza è stata posticipata di un’ora, ma non per il meteo. Il motivo, secondo quanto spiegato dai commentatori di Sky Italia, è stato il semaforo che non funzionava. Nel corso del Gran Premio, l’asfalto si è asciugato e a spuntarla è stato Perez della RedBull sfruttando un’ottima strategia. Carlos Sainz su Ferrari ha chiuso in seconda posizione, Verstappen terzo e Leclerc, poleman della giornata, è arrivato quarto.

Giornata capovolta rispetto a ieri: il momento della sosta è stata la chiave per far passare Leclerc da 1° a 4° in pochi giri.

GP Monaco: la sintesi della gara

Come già anticipato la partenza era stata posticipata di un’ora. I giri di formazione (ne sono stati percorsi più di 1) sono stati fatti dietro la Safety Car e la partenza è stata lanciata (la cosiddetta rolling start). Alcuni piloti si sono stampati a muro già nel giro di formazione come Stroll e Latifi. Tutti hanno mantenuto la posizione e nelle prime fasi Leclerc ha stabilito un passo inarrivabile per tutti gli altri accumulando un vantaggio superiore ai 5 secondi dal compagno di squadra Sainz.

Gasly è rientrato ai box con largo anticipo ed è passato alle intermedie come ha fatto Latifi durante la sua sosta. Al sesto giro, dopo alcuni momenti thriller, Gasly ha poi fatto registrare il giro più veloce, facendo rientrare ai box Schumacher, Vettel e Tsunoda. Il vantaggio sul passo di Gasly lo ha portato a superare Zhou dopo diversi giri al Mirabeau.

Due giri dopo, Gasly ha superato Ricciardo alle Piscine e ha guadagnato 1,5 secondi nel solo primo settore su Magnussen che era avanti di 6 secondi. Gasly ha continuato segnando altri giri veloci, riducendo il vantaggio di Magnussen e Bottas a soli 2 secondi, un gap che è stato colmato mezzo giro dopo.

Mentre nei primi quattro sono rimasti ragionevolmente vicini l’uno all’altro, Perez è stato il primo a rientrare ai box, passando alle intermedie al 16° giro, proprio come aveva fatto Hamilton il giro precedente. Al giro successivo, Sainz è stato chiamato, ma dopo una discussione con il pilota gli è stato detto di stare fuori.

Un giro dopo, Leclerc e Verstappen si sono fermati ai box per passare alle intermedie. Perez nel frattempo aveva fatto segnare il giro più veloce e quindi è risalito al secondo posto, con quasi 5 secondi di vantaggio su Charles Leclerc e 6,5 secondi su Verstappen.

Nel frattempo Hamilton è stato coinvolto in una battaglia per l’8° posto con Ocon. Quest’ultimo, ancora sul bagnato completo, era molto più lento e Hamilton ha tentato il sorpasso più volte senza riuscirsi. Poi Ocon è tornato ai box nel giro 12. Il pilota Alpine è passato alle slick dure, proprio come avevano appena fatto entrambe le Ferrari fatto prima di lui. Tuttavia, non è stato privo di problemi. Alcuni problemi di comunicazione hanno visto Leclerc entrare direttamente mentre il suo ingegnere diceva di stare fuori. Anche Sainz ha avuto un momento di discussione con la squadra per scegliere il momento in cui rientrare. Sia la Red Bull che Sainz si sono fermati ai box un giro dopo, e Leclerc si è trovato dietro a Verstappen, il suo rivale in campionato.

Al 23° giro, tutti tranne le Aston erano passate alle slick. Lo hanno fatto nei giri successivi, perdendo senza dubbio del tempo poiché i piloti sulle slick stavano migliorando rapidamente i propri tempi. Davanti, i divari si sono ridotti rapidamente, lasciando Leclerc al 4° posto a soli 2,9 secondi da Perez al 1°. Tutti e quattro erano incredibilmente vicini ma anche molto impegnati a superare le auto doppiate.

Lo spettacolo è stato brutalmente interrotto pochi istanti dopo, quando Mick Schumacher si è schiantato appena oltre la chicane delle Piscine. Mick è rimasto illeso ed è uscito rapidamente, ma la sua Haas è stata nuovamente spezzata in due con il cambio che si è staccato del resto dell’auto. Ciò ha provocato la bandiera rossa.

Alle 17:15 locali tutti sono ripartiti con una partenza lanciata dopo due giri di Safety Car. Questa volta, circa metà del gruppo era con gomme medie, il resto con gomme dure. Nella top 10, Sainz, Leclerc, Norris e Bottas hanno continuato con le dure usate mentre gli altri hanno scelto le gomme Pirelli medie nuove.

Com’era prevedibile non ci sono stati sorpassi anche se Perez ha bloccato la sua anteriore sinistra a Mirebeau mentre Hamilton sembrava molto ansioso di superare Alonso per il 7° posto. A quest’ultimo è stato detto di gestire il più possibile il suo ritmo ed era quindi concentrato più sul tenere dietro Hamilton che su Norris. Quest’ultimo ha poi stabilito il giro più veloce della gara. Perez ha chiaramente lottato con le sue gomme, permettendo alle auto dietro di lui di seguirlo facilmente da vicino. Nessuno di loro è riuscito a superare il messicano.

GP Monaco: l’ordine di arrivo

Pos. No. Driver Car Laps Time Pts
1 11 Sergio Perez Red Bull Racing Rbpt 64 1:56:30.265 25
2 55 Carlos Sainz Ferrari 64 +1.154s 18
3 1 Max Verstappen Red Bull Racing Rbpt 64 +1.491s 15
4 16 Charles Leclerc Ferrari 64 +2.922s 12
5 63 George Russell Mercedes 64 +11.968s 10
6 4 Lando Norris Mclaren Mercedes 64 +12.231s 9
7 14 Fernando Alonso Alpine Renault 64 +46.358s 6
8 44 Lewis Hamilton Mercedes 64 +50.388s 4
9 77 Valtteri Bottas Alfa Romeo Ferrari 64 +52.525s 2
10 5 Sebastian Vettel Aston Martin Aramco Mercedes 64 +53.536s 1
11 10 Pierre Gasly Alphatauri Rbpt 64 +54.289s 0
12 31 Esteban Ocon Alpine Renault 64 +55.644s 0
13 3 Daniel Ricciardo Mclaren Mercedes 64 +57.635s 0
14 18 Lance Stroll Aston Martin Aramco Mercedes 64 +60.802s 0
15 6 Nicholas Latifi Williams Mercedes 63 +1 lap 0
16 24 Zhou Guanyu Alfa Romeo Ferrari 63 +1 lap 0
17 22 Yuki Tsunoda Alphatauri Rbpt 63 +1 lap 0
NC 23 Alexander Albon Williams Mercedes 48 DNF 0
NC 47 Mick Schumacher Haas Ferrari 24 DNF 0
NC 20 Kevin Magnussen Haas Ferrari 19 DNF 0

Fonte immagine copertina: RedBull Content Pool

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com