Stephen Hawking: “abbandonate la Terra o morirete”

Il fisico di fama, Stephen Hawking, afferma che gli esseri umani stanno esaurendo lo spazio sul pianeta e quindi la Terra è sotto la minaccia dai cambiamenti climatici e le nostre risorse fisiche diminuiscono ad una velocità allarmante.

Pertanto, l’umanità deve concentrare i propri sforzi sull’esplorazione di nuovi mondi e deve lasciare il pianeta nel più breve tempo possibile per sopravvivere.

Parlando al Festival di Starmus a Trondheim, Hawking ha avvertito che l’umanità dovrà dirigersi verso le stelle, e gli altri pianeti nei prossimi 200-500 anni se vuole sopravvivere:

“La Terra è sotto minaccia da tanti punti e aree differenti, che è difficile per me essere positivo. Le minacce sono troppo grandi e troppo numerose. Le nostre risorse fisiche vengono meno ad un tasso allarmante. Abbiamo dato al nostro pianeta il dono disastroso del cambiamento climatico. Aumento delle temperature, riduzione dei ghiacciai, deforestazione e decimazione di specie animali. Possiamo continuare a restare ignoranti e senza pensiero, ma la realtà e questa “.

Ha osservato che in passato, quando gli esseri umani affrontarono simili crisi in termini di risorse, si sono mossi per scoprire e colonizzare nuove parti del mondo:

“Colombo lo ha fatto nel 1492 quando ha scoperto il Nuovo Mondo. Ma ora non c’è un nuovo mondo. Nessun utopia dietro l’angolo. Stiamo esaurendo lo spazio e gli unici luoghi da percorrere sono altri mondi. È tempo di esplorare altri sistemi solari. La diffusione dell’uomo nell’universo può essere l’unica cosa che ci salva da noi stessi. Sono convinto che gli esseri umani hanno bisogno di lasciare la Terra “.

Hawking ha sottolineato che ci esistono almeno 1.000 stelle nella distanza di 30 anni luce della Terra, quindi “se solo l’1% di questi hanno pianeti hanno condizioni soddisfacenti, abbiamo 10 nuovi mondi candidati per trasferirci e vivere li”.

 Stephen Hawking: la razza umana e “in piedi alla soglia di una nuova era “

Ha aggiunto: “La colonizzazione umana su altri pianeti non è più una fantascienza. Può essere la scienza a spiegarlo: la razza umana è esistita come specie separata dalla civiltà, e molto simile a qualsiasi altra specie animale, per circa due milioni di anni. La civiltà iniziò circa 10.000 fa, e il tasso di sviluppo è in costante crescita. Se l’umanità continua allo stesso ritmo per altri milioni di anni, il nostro futuro sta coraggiosamente nell’andare dove nessuno è andato prima. Spero per il meglio. Devo. Non abbiamo altra scelta “.

Via

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 

Autore dell'articolo: Vincenzo Amodeo