Il Coronavirus non è stato creato in laboratorio

Il Coronavirus non è stato creato in laboratorio

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

In una nuova intervista con National Geographic, Anthony Fauci ha chiarito – ancora una volta – che le prove suggeriscono fortemente che il Coronavirus non è stato creato in laboratorio.

Il Coronavirus non è stato creato in laboratorio: le parole dell’immunologo Fauci

Recentemente, Anthony Fauci, nonché immunologo di origine italiana, è tornato a parlare del nuovo coronavirus e dell’ipotesi che sia stato realizzato in un laboratorio della cittadina di Wuhan, epicentro del primo focolaio della pandemia. A riguardo l’immunologo, avrebbe affermato quanto segue:

“Se si osserva l’evoluzione del virus nei pipistrelli e ciò che è là fuori ora, è molto, molto incline a ciò che non avrebbe potuto essere manipolato artificialmente o deliberatamente. Tutto ciò che riguarda l’evoluzione graduale nel tempo indica fortemente che [questo virus] si è evoluto in natura e quindi ha saltato specie.”

Nello specifico, Fauci stava rispondendo alle teorie che sono fiorite sui social media. La maggior parte sostengono che la Cina abbia creato il coronavirus all’interno di un laboratorio a Wuhan. Le autorità degli Stati Uniti – incluso il presidente Donald Trump – sembrano sostenere tale teoria. Tuttavia le agenzie di intelligence nazionali – e quelle internazionali – non sono ancora riuscite a fornire prove a riguardo. Fauci, inoltre mette in guardia su un altro aspetto. Molto probabilmente ci sarà una seconda ondata di contagi. Questa sarà più forte. Secondo l’immunologo il COVID-19 tornerà alla fine di quest’anno. Per questo motivo è necessario aumentare il numero dei test. Infatti, Fauci afferma:

“Peccato per noi se non avremo abbastanza test prima che questo cosiddetto ritorno possa avvenire in autunno e in inverno”.

L’attesa di un vaccino

Tuttavia, si spera ancora in un vaccino contro il COVID-19. Sperando che sarà disponibile per la popolazione già a gennaio. Ovviamente, prima che ciò avvenga, sarà necessario testare diversi vaccini.  “Vuoi un sacco di tiri in porta. Vogliamo quattro o cinque candidati che mettiamo in campo tutti entro un termine ragionevole ”. Questo ha dichiarato Fauci al National Geographic. Fauci è particolarmente fiducioso riguardo ai “vaccini contro l’mRNA”. Questo tipo di vaccino usa il materiale genetico del virus per costruire proteine ​​per innescare la risposta del sistema immunitario del corpo.

Fonte foto: pixabay

Autore dell'articolo: Emanuela Acri

Grafica pubblicitaria, ha svolto gli studi all'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e quella di Lecce, concludendo il percorso con il massimo dei voti. Appassionata di film horror e serie TV, collabora con alcuni siti online nella realizzazione di articoli di diversi argomenti,