Il punto della situazione sulle Regioni

Il punto della situazione sulle Regioni

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

GENOVA – Il punto della situazione sulle Regioni. E’ entrata in vigore a mezzanotte di ieri l’ordinanza che porta in zona rossa Campania e Toscana e in zona arancione Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche. Crescono però i malumori tra il governo e le Regioni. Ecco cosa ha detto il governatore della Liguria Giovanni Toti (foto), che ha annunciato di voler chiedere al Governo di far uscire dalla zona arancione la Liguria:

“Il mio obiettivo è vedere scendere la diffusione del virus nei prossimi dieci giorni, vedere l’Rt sotto l’1%. Vedere calare la presenza di malati nelle corsie di ospedale e i pronto soccorso meno affollati (qualche segnale già c’è). Chiederò l’uscita dalla zona arancione appena i numeri saranno quelli che vi ho detto. Vorrei riuscirci dai primi giorni di dicembre, o magari anche prima”.

Il punto della situazione sulle Regioni

È invece attesa nella giornata odierna la proclamazione della zona rossa anche in Abruzzo, come anticipato nella serata di ieri da alcuni esponenti della giunta regionale a guida centrodestra. In queste ore si sono susseguite le riunioni tra i vari esponenti della maggioranza per decidere meglio il da farsi. Il sindaco di Firenze Dario Nardella chiede ‘che il governo sia trasparente sui meccanismi del colore’. Il governatore della Toscana Giani, invece, si è detto ‘amareggiato per il passaggio a zona rossa’. In Campania, dal 24 novembre, riprenderanno in presenza la scuola d’infanzia e primaria. In Calabria scuole chiuse dal 16 al 28 novembre.

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *