Intelligenza Artificiale: ecco come potrà curare la depressione

Due studi sull’ intelligenza artificiale sono al lavoro per poter comprendere meglio e diagnosticare tempestivamente la depressione e l’ansia. Questi due disturbi dell’umore in alcuni paesi assumono numeri davvero terrificanti. Al momento alcuni studi stanno sviluppando soluzioni che utilizzano l’intelligenza artificiale per migliorare le condizioni dei pazienti affetti da depressione ed ansia attraverso una valutazione giornaliera e approfondimenti personalizzati.

 I due studi sono capitanati rispettivamente dal Dott. Thomas Insel e dal Dott. Allison Darcy.

  • Il Dott. Thomas Insel lavora al progetto Mindstrong, e trasforma lo smartphone in uno strumento diagnostico capace di riconoscere l’identità di una persona affetta da depressione. In questo caso la prevenzione e la diagnosi precoce di depressione e ansia sono fondamentali. Egli studia attraverso l’intelligenza artificiale l’analisi dei modelli di utilizzo dello smartphone. L’analisi da parte dell’IA può mostrare, infatti, la presenza di un disturbo dell’umore e comunicarlo tempestivamente ad un dottore esperto, continuando a monitorare il paziente. Secondo il Dott. Insel, una persona affetta da un disturbo utilizza il suo dispositivo in maniera differente”. Le pagine che visualizza, le app utilizzate ed in generale il modo di utilizzare lo smartphone cambiano, infatti, a seconda dell’umore.
  • Diverso, invece l’approccio del Dott. Darcy al problema. Il suo team di ricercatori è al lavoro su di un bot per Facebook Messenger chiamato Woebot. Quest’ultimo si concentra su di un aspetto specifico del disturbo dell’umore causato da depressione e ansia, ovvero la possibilità di parlare della propria malattia. E’ stato provato attraverso studi scientifici che parlare del proprio stato d’animo e delle proprie ansie contribuisce a migliorare le possibilità di sconfiggere la depressione e l’ansia. La scelta è ricaduta sulla piattaforma di Facebook Messenger perché consente l’utilizzo potenziale di oltre un miliardo di utenti iscritti al social.

Via