effetti della dieta sulla salute

Gli effetti della dieta sulla salute mentale

Diverse ricerche scientifiche hanno evidenziato gli effetti della dieta sulla salute mentale Negli ultimi anni numerosi studi hanno reso noto gli effetti della dieta sulla salute mentale delle persone. Diversi ricercatori hanno, infatti, riscontrato che coloro che seguono un’alimentazione ricca di zuccheri aggiunti e alimenti trasformati rischiano di sviluppare ansia e depressione. E’ bene tener […]

La depressione colpisce tre milioni di persone l’anno

La depressione è una malattia mentale a tutti gli effetti, che colpisce ogni anno circa tre milioni di persone solo in Italia. Una patologia non trattata adeguatamente di cui 2 milioni sono donne. Un milione di persone affette dalla forma grave non sono mai  curate tempestivamente. Lo hanno evidenziato gli esperti del settore, in occasione […]

Perchè dormire bene è importante

Perchè dormire bene è importante per la salute

Perchè dormire bene è importante per la salute. Lo dimostra uno studio recente

Ultimamente il problema della mancanza di sonno è sempre più frequente. In altre parole, tutti riposiamo meno. Le cause sono molteplici: stili di vita meno salutari, la società che impone orari poco flessibili, siamo sempre più connessi e soggetti a periodi di stress. Tuttavia dormire bene è importante per mantenerci in buona salute (sia fisica che psicologica); di seguito elenchiamo i principali benefici del buon sonno.

Leggi di più a proposito di Perchè dormire bene è importante per la salute

Sintomi della depressione

Sintomi della depressione? La dieta mediterranea

Sintomi della depressione? Ci pensa la dieta mediterranea; o quanto meno è ciò che sostiene una ricerca, in base alla quale, seguire una dieta di tipo mediterraneo (ricca di frutta, verdura, noci e cereali) può portare molti benefici per la salute, compresa la protezione contro i problemi cardiovascolari e metabolici.

Lo stesso studio, evidenzia un collegamento tra questa dieta e il minor rischio di depressione, soprattutto considerando l’avanzare dell’età.

La dieta mediterranea include pasti ad alto contenuto di verdure, legumi, noci, frutta, cereali integrali; con meno pesce, latticini e cibi a base di pollame o carne rossa.

Inoltre, presenza indiscussa e fondamentale è caratterizzata dall’olio d’oliva, considerato il migliore in assoluto da portare a tavola. Soprattutto per cucinare, quest’alimento è considerato il top, perché rappresenta una buona dose di grassi monoinsaturi e in particolare di acido oleico.

Sono tanti gli studi che sostengono come questo tipo di alimentazione sia sana e nutriente. E soprattutto negli ultimi anni, i ricercatori hanno dimostrato che la dieta mediterranea può significativamente ridurre il rischio cardiovascolare.

Inoltre, può anche prevenire l’osteoporosi; poiché le proprietà di alcuni composti dell’olio d’oliva, tra cui i polifenoli e l’oleuropeina, stimola le cellule responsabili della formazione ossea.

E, non da meno, promuove i meccanismi antitumorali, e sostiene la salute del cervello. Leggi di più a proposito di Sintomi della depressione? La dieta mediterranea

suicidio e sostegno sociale

Suicidio: è possibile prevenirlo con il supporto della società

 Un’ adeguata sensibilizzazione della società può aiutare malati affetti da patologie con dolore cronico a non arrivare al suicidio.

Suicidio e sostegno sociale

Un nuovo studio dell’Università di Toronto ha messo in luce che il sostegno sociale svolge un ruolo importante nel promuovere la ripresa da fenomeni di depressione ed evitare il suicidio dei pazienti.

Leggi di più a proposito di Suicidio: è possibile prevenirlo con il supporto della società

depressione e lavoro

Depressione: le più a rischio sono le donne che lavorano troppo

Secondo uno studio recente i soggetti più a rischio di depressione sono le donne che lavorano più di 55 ore a settimana e nei weekend.

Depressione e lavoro, correlazioni

Che il lavoro possa essere causa di stress e malumore non è certo una novità.

Ma che possa essere anche causa di depressione, fino ad oggi, non era ancora stato detto.

E’ proprio la tesi sostenuta da un gruppo di studiosi britannici in base ai dati raccolti da Understanding Society; lo studio britannico della casa del Regno Unito (UKHLS).

Leggi di più a proposito di Depressione: le più a rischio sono le donne che lavorano troppo

Diminuiscono i suicidi in Italia

Diminuiscono i suicidi in Italia rispetto al 2013

Diminuiscono i suicidi in Italia e, sebbene la notizia in sé abbia poco d’idilliaco, la nostra nazione è quella, in tutta Europa, con il tasso più basso.

Stando a quanto si evince dall’annuario Istat 2018, sono gli uomini quelli più colpiti dal malessere che li conduce al gesto estremo. In conformità al problema, nel 2015, tre suicidi su quattro erano di sesso maschile.

Secondo i dati contenuti nell’annuario, in base ad un conteggio effettuato partendo dal 2015, le morti per suicidio in Italia sono diminuite. Leggi di più a proposito di Diminuiscono i suicidi in Italia rispetto al 2013

Depressione e ottimismo

Depressione e ottimismo studio incrociato

Depressione e ottimismo. Lo studio dall’Italia agli Stati Uniti, dimostra sia la necessità di cure adeguate. Sia che queste stesse cure, preventivate da un’adeguata campagna, sono più efficaci sulle persone ottimiste.

Leggi di più a proposito di Depressione e ottimismo studio incrociato

bipolarismo

Bipolarismo: l’attività fisica migliora l’umore e i livelli di energia

Secondo un recente studio americano, fare attività fisica regolarmente migliora l’umore e i livelli di energia dei soggetti affetti da bipolarismo.

Bipolarismo e depressione

Negli Stati Uniti la depressione resta un disturbo molto diffuso tra adulti, adolescenti e anche bambini: si stima che abbia toccato quota 8% ed è un trend in crescita.

Leggi di più a proposito di Bipolarismo: l’attività fisica migliora l’umore e i livelli di energia

depressione e dipendenze

Depressione e dipendenze: scoperto il circuito cerebrale che le regola

Una nuova ricerca condotta sui topi ha fatto emergere che depressione e dipendenze sono regolate dallo stesso circuito neuronale. 

Depressione, il male del secolo

La depressione è stata definita in vari modi tra cui”male oscuro” e “cancro dell’anima”.

Un tempo si pensava che fosse paragonabile alla malinconia o alla tristezza ma oggi si sa che non è così: si tratta di una malattia vera e propria, altamente invalidante.

Leggi di più a proposito di Depressione e dipendenze: scoperto il circuito cerebrale che le regola