Impianto cerebrale riesce a tenere sotto controllo la depressione

Impianto cerebrale riesce a tenere sotto controllo la depressione

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I ricercatori sembrano aver scoperto il trucco per utilizzare con successo la stimolazione cerebrale profonda per curare la depressione. Dipende, però, dall’umore del paziente. Per anni, i medici hanno esaminato l’uso di scariche elettriche mirate per curare la depressione clinica. Sebbene molti esperti concordino sul fatto che si tratta di una strada promettente per il trattamento, la ricerca ha prodotto risultati contrastanti e limitati. Sarebbe però possibile tenere sotto controllo la depressione. Ora, un caso di studio dell’Università della California di San Francisco pubblicato lunedì sulla rivista Nature Medicine mostra che la stimolazione elettrica può avere un profondo effetto antidepressivo, purché gli shock siano attentamente adattati agli stati d’animo e ai sintomi specifici di un singolo paziente.

Ho provato letteralmente di tutto, e per i primi giorni ero un po’ preoccupato che non avrebbe funzionato“, ha detto in un messaggio la volontaria nel caso di studio, una donna di 36 anni con grave depressione. “Ma poi quando hanno trovato il posto giusto. Non avevo riso di niente per forse cinque anni“, ha aggiunto, “ma improvvisamente ho sentito un genuino senso di gioia e felicità, e il mondo è passato da sfumature di grigio scuro a solo – sorridendo“.

Tenere sotto controllo la depressione: cosa fare per migliorare la situazione?

Nel caso di studio, i medici hanno identificato tre regioni del cervello che potevano eseguire lo zapping per alleviare la depressione, ma hanno scoperto che funzionava solo quando il paziente era in un particolare stato mentale. Altrimenti, la neurostimolazione ha avuto l’effetto opposto. Una volta risolti tutti i nodi, il paziente è uscito dallo studio di dieci giorni ed è rimasto libero dalla depressione per sei settimane.

Ora il paziente riceve una stimolazione simile da un impianto cerebrale che eroga shock impercettibili secondo necessità. Conferma di riuscire a godersi la sua vita per la prima volta da anni. “Speriamo che fornire una neuromodulazione delicata durante ogni giorno sia in grado di impedire ai pazienti di cadere in episodi depressivi di lunga durata“, ha detto nel comunicato stampa Katherine Scangos, coautrice dello studio e psichiatra UCSF.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com