Covid-19 allevia il dolore: possibile strada per antidolorifici?

Covid-19 allevia il dolore: possibile strada per antidolorifici?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La scoperta potrebbe spiegare perché quasi la metà di tutte le persone che contraggono il Covid-19 manifesta pochi o nessun sintomo. Nonostante ciò può diffondere la malattia, afferma Rajesh Khanna, professore presso l’Università dell’Arizona College of Medicine-Tucson. “Per me aveva molto senso che forse la ragione per la diffusione inesorabile del Covid-19 è che nelle prime fasi, giri per la città come se nulla fosse sbagliato perché il tuo dolore è stato soppresso“, dice Khanna. “Hai il virus, ma non senti dolore perché il tuo dolore è sparito. Se possiamo dimostrare che questo sollievo dal dolore è ciò che sta causando l’ulteriore diffusione del Covid-19, è di enorme valore“. Insomma, il nuovo studio potrebbe trovare la conferma che il Covid-19 allevia il dolore. 

I centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno rilasciato dati aggiornati il 10 settembre, stimando che il 50% della trasmissione del Coronavirus si verifica prima della comparsa dei sintomi. Inoltre il 40% delle infezioni sono asintomatiche. “Questa ricerca solleva la possibilità che il dolore, come un sintomo precoce di Covid-19, possa essere ridotto dalla proteina spike SARS-CoV-2 in quanto silenzia le vie di segnalazione del dolore del corpo“, afferma Michael D. Dake, vicepresidente senior di Scienze della salute dell’Università dell’Arizona. “I ricercatori dell’Università dell’Arizona di Scienze della salute presso il Comprehensive Pain and Addiction Center stanno sfruttando questa scoperta unica per esplorare una nuova classe di terapie per il dolore mentre continuiamo a cercare nuovi modi per affrontare l’epidemia di oppioidi“.

Covid-19 allevia il dolore: cosa succede al nostro corpo?

I virus infettano le cellule ospiti attraverso i recettori proteici sulle membrane cellulari. All’inizio della pandemia, gli scienziati hanno stabilito che la proteina spike SARS-CoV-2 utilizza il recettore dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) per entrare nel corpo. Ma a giugno, due documenti pubblicati sul server di preprint bioRxiv hanno indicato la neuropilina-1 come secondo recettore per la SARS-CoV-2.

Questa cosa ha attirato la nostra attenzione. Negli ultimi 15 anni il mio laboratorio ha studiato un complesso di proteine ​​e percorsi correlati all’elaborazione del dolore che sono a valle della neuropilina“, afferma Khanna. “Quindi abbiamo fatto un passo indietro e ci siamo resi conto che questo potrebbe significare che forse la proteina spike è coinvolta in una sorta di elaborazione del dolore“. Molti percorsi biologici segnalano al corpo di provare dolore. Uno funziona attraverso una proteina chiamata fattore di crescita endoteliale vascolare-A (VEGF-A), che svolge un ruolo essenziale nella crescita dei vasi sanguigni. Hanno anche trovato collegamento con malattie come il cancro, l’artrite reumatoide e, più recentemente, il Covid-19.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com