Premio Nobel medicina vinto da chi ha scoperto il virus dell'epatite C

Premio Nobel medicina vinto da chi ha scoperto il virus dell’epatite C

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Un trio di scienziati che hanno identificato e caratterizzato il virus responsabile di molti casi di epatite e malattie del fegato – l’epatite C – sono coloro che hanno vinto il Premio Nobel 2020 per la Medicina. I vincitori sono Harvey Alter del National Institutes of Health degli Stati Uniti a Bethesda, nel Maryland; Michael Houghton, ora all’Università di Alberta in Canada; e Charles Rice, ora alla Rockefeller University di New York City. Il loro lavoro sul virus dell’epatite C ha aperto la strada a trattamenti efficaci contro l’infezione disponibili a tutti.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che 71 milioni di persone in tutto il mondo risultano cronicamente infette dall’epatite C. Essa causa quasi 400.000 decessi all’anno, principalmente per cirrosi e cancro al fegato. Il premio è ben meritato, afferma Ellie Barnes, che studia medicina del fegato e immunologia all’Università di Oxford, nel Regno Unito. “Si distingue come un emblema di grande scienza“, dice. “Siamo arrivati ​​a un punto in cui possiamo curare la maggior parte delle persone che sono infette“. I vincitori condivideranno un premio di 1,1 milioni di dollari.

La trasmissione dell’epatite C: l’agente patogeno trasmesso dal sangue

Negli anni ’70 Alter studiò la trasmissione dell’epatite, o infiammazione del fegato, a seguito di trasfusioni di sangue. Un lavoro precedente aveva identificato i virus dell’epatite A e B, ma Alter ha dimostrato che un terzo agente patogeno virale trasmesso dal sangue potrebbe trasmettere la malattia agli scimpanzé. Houghton, che allora lavorava alla Chiron Corporation di Emeryville, in California, e i suoi colleghi hanno identificato il virus sulla base del materiale genetico di scimpanzé infetti, dimostrando che si trattava di un nuovo tipo di virus a RNA che apparteneva alla famiglia dei Flavivirus. L’hanno chiamato virus dell’epatite C. Un team guidato da Rice, allora con sede presso la Washington University di St. Louis, Missouri, ha utilizzato tecniche di ingegneria genetica per caratterizzare una porzione del genoma dell’epatite C responsabile della replicazione virale, dimostrando il suo ruolo nel causare malattie del fegato.

In una conferenza stampa, Alter ha osservato che i ricercatori di Chiron hanno impiegato sei anni per clonare un minuscolo frammento del genoma virale dell’epatite C. Ha espresso dubbi sulla possibilità di condurre una ricerca così scrupolosa oggi. “Al giorno d’oggi, se non si dispone di un endpoint immediato, è difficile ottenere finanziamenti“, ha affermato. “È molto più difficile per le persone ora, soprattutto i giovani, portare avanti la ricerca. Penso che la dinamica debba cambiare un po‘ “. Alcuni ricercatori avevano considerato il virologo Ralf Bartenschlager dell’Università di Heidelberg in Germania un candidato per un premio Nobel per la Medicina per l’epatite C, a causa delle sue ricerche sui modi di propagare il patogeno in laboratorio. Ma Bartenschlager afferma che il comitato del Nobel ha fatto una scelta ragionevole. “È una decisione davvero difficile“, dice. “Penso che il modo in cui si sono avvicinati sia abbastanza comprensibile“.

Premio Nobel medicina: perché hanno vinto loro?

I risultati della ricerca dei vincitori e di altri hanno portato a miglioramenti significativi nei test e nel trattamento dell’epatite. Nell’ultimo decennio, trattamenti duri e scarsamente efficaci per l’infezione sono stati sostituiti da farmaci che bloccano direttamente il virus. Questi medicinali hanno il potenziale per curare la stragrande maggioranza delle infezioni da epatite C, ma il loro costo elevato ha un accesso limitato in molti paesi a basso e medio reddito. Il trattamento richiede di seguire un regime farmacologico per 8-12 settimane, dice Barnes. “Molte delle persone che vivono con l’epatite C rimangono in ambienti vulnerabili o sono tossicodipendenti, dove in realtà è piuttosto difficile fornire i farmaci alle persone colpite“.

Bartenschlager afferma che spera che il Nobel porti l’attenzione sulla “epidemia silenziosa” di epatite C in tutto il mondo. L’OMS ha fissato l’obiettivo di eradicare il virus dell’epatite C entro il 2030, che secondo Barnes potrebbe essere raggiungibile. Ma per farlo, aggiunge, potrebbe essere necessario un vaccino. I progressi nello sviluppo di un tale vaccino sono stati lenti, in parte a causa dello scarso investimento nello sforzo e della natura scaltra del virus stesso. La genetica di ogni ceppo del virus dell’epatite C differisce drasticamente: Barnes stima che l’epatite C sia dieci volte più diversificata dell’HIV e “infinitamente” più del coronavirus SARS-CoV-2, che causa il Covid-19.

Nessuno di questi problemi è insormontabile, dice Barnes. “Il virus è stato scoperto 30 anni fa e non abbiamo ancora un vaccino“, aggiunge. “Abbiamo ancora persone infette e che muoiono di epatite C. Da questo punto di vista, la storia non è finita“. Il premio Nobel potrebbe essere l’occasione per ricordare al mondo che l’epatite C rimane un problema. “Questo lo rilancerà e riporterà l’attenzione sul vaccino“, dice.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com