Nuovo farmaco Alzheimer: la FDA approva nuova terapia

Nuovo farmaco Alzheimer: la FDA approva la cura

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La FDA ha approvato un nuovo farmaco per trattare l’Alzheimer, ma non sempre le spese saranno a carico della sanità pubblica.

L’8 aprile 2022, il Centers for Medicare & Medicaid Services ha finalizzato la sua decisione di limitare la sua copertura di Aduhelm, il nuovo trattamento della malattia di Alzheimer di Biogen. La decisione comporta che solo i pazienti che si sono sottoposti a studi clinici avranno diritto alla copertura Medicare & Medicaid per Aduhelm, che ha il nome generico di Aducanumab.

Nuovo farmaco Alzheimer
Nuovo farmaco Alzheimer

Molti pazienti affetti da Alzheimer potrebbero non essere in grado di utilizzare il farmaco a causa delle restrizioni. Il costo annuale di Aduhelm senza Medicare è di 28.200 dollari, o 2.350 dollari al mese, (poco meno di 2.200€) che è proibitivo per la maggior parte degli americani.

Inoltre, non tutti i malati di Alzheimer possono iscriversi a una sperimentazione clinica a causa della posizione o di altri problemi logistici. E alcuni di quelli nella sperimentazione potrebbero essere selezionati a caso per ricevere solo un placebo.

La decisione di Medicare si scontra drammaticamente con la scelta della Food and Drug Administration nel giugno 2021 di approvare Aduhelm per tutti i pazienti di Alzheimer senza restrizioni. Questa è una divergenza per Medicare, che quasi sempre finanzia i medicinali approvati dalla FDA, almeno per gli usi autorizzati.

Biogen ha criticato la decisione di Medicare, dicendo che i requisiti aggiunti “limiterebbero e ritarderebbero significativamente l’accesso dei pazienti a una terapia approvata dalla FDA per una malattia progressiva”.

Nuovo farmaco Alzheimer: il nocciolo della questione che circonda Aduhelm è semplice: Funziona davvero?

Risultati di prove miste

Il Dr. Andrew Williams, assistente professore di medicina d’urgenza, Albert Einstein College of Medicine, spiega chiaramente di cosa stiamo parlando.

<<Come medico e ricercatore che studia l’efficacia dei farmaci, ho visto questa storia svolgersi nell’ultimo anno. A partire da ora, sono certo di una cosa: con 6 milioni di persone negli Stati Uniti che soffrono di Alzheimer, e i trattamenti attuali che sono solo marginalmente efficaci, c’è un disperato bisogno di farmaci che possano rallentare la malattia.

Ma le prove su Aduhelm finora sono contraddittorie. Due studi clinici di fase III sono stati fermati in anticipo dopo che un comitato indipendente, nominato da Biogen, ha analizzato i dati e ha riferito che era improbabile che le indagini su Aduhelm, avrebbero dimostrato un beneficio. Questo non è insolito; gli studi clinici sono spesso fermati quando i primi dati suggeriscono che un farmaco non funzionerà.

Dopo quell’analisi, Biogen ha annunciato di aver trovato benefici che erano statisticamente significativi in uno degli studi. Questo è avvenuto dopo aver valutato i risultati per 318 partecipanti i cui dati non erano disponibili in tempo per la revisione iniziale del comitato. Questi nuovi dati hanno mostrato che la funzione cognitiva dei partecipanti nel gruppo ad alto dosaggio è diminuita del 23% più lentamente di quelli nel gruppo placebo. Il gruppo a basso dosaggio non ha mostrato alcun beneficio.

***

Mentre gli effetti sul declino cognitivo possono sembrare ambigui, Aduhelm riduce indiscutibilmente le placche amiloidi dei pazienti. È su questa base che Biogen ha cercato l’approvazione di Aduhelm attraverso il percorso di approvazione accelerata della FDA, dove i farmaci che trattano una malattia grave possono ricevere un’approvazione accelerata se è ragionevolmente probabile che forniscano un beneficio clinico basato su qualche altro marcatore, come il carico di placche amiloidi.
Aduhelm è un trattamento con anticorpi monoclonali somministrato per infusione (per via endovenosa). Il farmaco ha come obiettivo l’amiloide, una proteina che si accumula nel cervello dei pazienti di Alzheimer.

Mentre Aduhelm riduce le placche amiloidi nel cervello dei pazienti, così fanno molti altri farmaci che non hanno dimostrato di rallentare il declino cognitivo. Può essere che la riduzione delle placche amiloidi non migliora necessariamente la funzione cognitiva nei pazienti di Alzheimer.

Nuovo farmaco Alzheimer

***

Al centro della questione è l’ipotesi dell’amiloide, che è stato un concetto centrale della ricerca sull’Alzheimer per decenni. In poche parole, l’ipotesi presuppone che l’accumulo del peptide amiloide-B sia la causa primaria dell’Alzheimer. Molti ricercatori credono che inizi una cascata di processi che includono l’infiammazione e la formazione di grovigli neurofibrillari, costituiti dalla proteina tau, all’interno delle cellule cerebrali. Si pensa che questo porti alla disfunzione dei punti di comunicazione tra le cellule cerebrali noti come sinapsi, che alla fine porta alla morte cellulare.
Le placche amiloidi si trovano spesso nel cervello di persone che non hanno l’Alzheimer. La ridotta funzione cognitiva vista nell’Alzheimer è più strettamente correlata al numero e alla posizione delle placche intracellulari di tau. Può essere che quelli con placche ma senza sintomi abbiano uno stadio iniziale di Alzheimer>>.

Rischi ed effetti a catena

<<Mentre i benefici di Aduhelm rimangono oscuri, alcuni rischi sono chiari. Gli stessi studi di fase III hanno mostrato che il 41% dei pazienti che hanno ricevuto la dose elevata di Aduhelm – la dose che potrebbe aver portato a benefici cognitivi – ha sperimentato gonfiore cerebrale o emorragia. Anche se la maggior parte di questi erano minori e asintomatici; una donna di 75 anni nello studio è morta dopo aver sperimentato gonfiore cerebrale e convulsioni. Il rischio è stato considerato abbastanza alto per la FDA da richiedere all’azienda di mettere un avvertimento sull’etichetta di Aduhelm, consigliando ai medici di monitorare i pazienti e ottenere due scansioni cerebrali MRI durante il primo anno di trattamento.

I candidati selezionati per gli studi di Fase III, sono stati esclusi se avevano una qualsiasi delle molte complicazioni mediche comuni per le persone anziane. Questo include problemi cardiaci, l’uso di fluidificanti del sangue o una funzione epatica o renale compromessa. I pazienti selezionati, che possono essere più sani di quelli delle persone in generale che riceverebbero il farmaco, sono stati sottoposti non a due ma a sette risonanze magnetiche per il monitoraggio. Le risonanze magnetiche sono procedure costose; aumentano il costo reale di Aduhelm di circa il 20%.

Altri farmaci di immunoterapia anti-amiloide sono nella pipeline farmaceutica. Altri dati potrebbero emergere per suggerire che questi farmaci ritardino la progressione dell’Alzheimer; finora, però, i benefici cognitivi relativamente minori visti non sembrano corrispondere alla robusta riduzione delle placche amiloidi. Mentre è indiscutibile che Aduhelm può ridurre in modo coerente e convincente il livello di placche amiloidi nel cervello, il beneficio cognitivo che fornisce ai pazienti rimane in dubbio. Questa discrepanza parla delle complessità dell’Alzheimer – e dei buchi che rimangono da colmare nella comprensione di questa terribile malattia>>.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24