Alzheimer: individuato il meccanismo

Alzheimer: individuato il meccanismo che lo scatena

Alzheimer: individuato il meccanismo che lo  scatena e che accelera la morte dei neuroni.

L’Alzheimer è la più nota causa di demenza, che va a danneggiare le cellule e le connessioni cerebrali; provocando nel tempo, un declino progressivo delle funzioni cognitive.

Rappresenta, nella fattispecie, circa il 60% dei casi legati all’infermità.  Eppure, a distanza di poche ore, un nuovo dettaglio sulla malattia si annovera fra le conoscenze scientifiche.

Infatti è stato determinato il funzionamento che va a velocizzare la morte delle cellule nervose nella malattia;

Si tratta delle sequenze di DNA che regolano l’attività dei geni e che mantengono attivo e giovane il cervello; in questo caso, nella funzione cerebrale, vanno a perdersi  più rapidamente. Di contro, l’attività dei geni che formano placche tossiche per i neuroni vengono accelerate durante il processo.

Questo fondamentale passaggio riguardante la malattia, è reso pubblico sulla famosa rivista NATURE COMMUNICATIONS dal gruppo dell’Istituto americano Van Andel, coordinato da Viviane Labrie. E va a giocare un ruolo decisamente fondamentale  per  le diagnosi e gli eventuali futuri strumenti per combattere questa grave patologia. Leggi di più a proposito di Alzheimer: individuato il meccanismo che lo scatena

 
malattie neurodegenerative

Malattie neurodegenerative, scoperta la possibile causa

Dai risultati di un nuovo studio sul cervello, sono emerse le potenziali cause che stanno alla base delle malattie neurodegenerative.

Malattie neurodegenerative e studio sul cervello

Un gruppo di scienziati della facoltà di medicina dell’Università della Virginia ha svolto un approfondito studio sui meccanismi cerebrali che conducono alla morte delle cellule del cervello, alla base delle malattie neurodegerative come Alzheimer e Parkinson.

Leggi di più a proposito di Malattie neurodegenerative, scoperta la possibile causa

Attività fisica per prevenire e combattere l’Alzheimer

Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Medicine, ha evidenziato come l’attività fisica possa rallentare il deterioramento cognitivo legato a malattie come l’Alzheimer. Sarebbe tutto legato a un ormone e una proteina chiamata irisina, capace di incrementare la memoria. Che l’esercizio fisico sia salutare per il nostro corpo è cosa risaputa: ottimizza il funzionamento del metabolismo, […]

HealtCare e Salute 2019: l'AI al nostro fianco.

HealtCare e Salute 2019: l’AI al nostro fianco.

Anteprime dalla conferenza stampa di Living in Digital Times al CES ci offre una panoramica su HealtCare e salute per il 2019; Pensando prevalentemente a chi si occupa di gestire pazienti con patologie non guaribili, al fine di aiutare gli stessi a migliorarne la qualità di vita dei loro assistiti. HealtCare e Salute – Las […]

esame del sangue per diagnosticare Alzheimer

Alzheimer: un esame del sangue potrebbe diagnosticarlo

Un gruppo di ricercatori ha messo a punto un semplice esame del sangue per diagnosticare l’Alzheimer prima che i sintomi si manifestino.

Diagnosticare l’Alzheimer

L’Alzheimer è una malattia neuro degenerativa che colpisce gran parte delle persone anziane.

Leggi di più a proposito di Alzheimer: un esame del sangue potrebbe diagnosticarlo

alzheimer e vaccini

Alzheimer: un vaccino potrebbe prevenirlo e bloccarne lo sviluppo

La ricerca potrebbe portare presto a sviluppare ad un vaccino per prevenire l’insorgenza dell’Alzheimer e arrestarne la progressione.

Che cos’è l’Alzheimer

Leggi di più a proposito di Alzheimer: un vaccino potrebbe prevenirlo e bloccarne lo sviluppo

Come spiegano nel loro studio il Prof. Haroutunian e colleghi, un corpus di prove evidenti ha indicato un collegamento tra il rischio di decadimento cognitivo lieve, demenza e diabete di tipo 2 . Ulteriori studi hanno scoperto un'associazione tra una via del recettore dell'insulina nel cervello e l'accumulo di patologie cerebrali specifiche dell'Alzheimer.

Alzheimer: una medicina per il diabete potrebbe ridurre la perdita di memoria

Alcune ricerche suggeriscono che i farmaci antidiabetici possono proteggere il cervello contro l’Alzheimer. Si stima che in Europa 3 milioni di casi di malattia di Alzheimer. Le persone affette dalla malattia di Alzheimer presentano la seguente sintomatologia: confusione, demenza presenile, mancanza di memoria, disorientamento e irrequitezza, disturbi del linguaggio, incapacità a portare a termire movimenti, […]

alzheimer diagnosi attraverso gli occhi

Alzheimer: è possibile diagnosticarlo a partire dagli occhi

Due nuovi studi hanno mostrato come si possa diagnosticare l’Alzheimer in modo rapido e non invasivo con uno screening oculare.

Alzheimer: una patologia in aumento

A fronte di un’aumentata prospettiva di vita, ci troviamo con una popolazione sempre più anziana e malata.

Tra le patologie in aumento vi è, senza dubbio, l’Alzheimer che compromette seriamente la qualità della vita dei soggetti affetti e di chi sta loro accanto.

Leggi di più a proposito di Alzheimer: è possibile diagnosticarlo a partire dagli occhi

dieta chetogenica e alzheimer

La dieta chetogenica può proteggere da diabete e Alzheimer

Recenti studi hanno dimostrato che la dieta chetogenica, basata sull’eliminazione dei carboidrati, protegge dal declino cognitivo.

Che cos’è la dieta chetogenica

La dieta chetogenica è un regime alimentare che si basa, essenzialmente, sull’eliminazione di carboidrati e zuccheri e sull’aumento di proteine e grassi al fine di perdere peso.

Leggi di più a proposito di La dieta chetogenica può proteggere da diabete e Alzheimer

demenza e alzheimer differenze

Demenza e Alzheimer: quali sono le differenze?

Demenza e Alzheimer vengono spesso erroneamente confusi o usati come sinonimi ma sono due patologie, seppur simili, ben diverse.

Demenza e Alzheimer: due patologie diverse

La maggior parte delle persona parla di Demenza e Alzheimer come e i trattasse della stessa malattia e utilizza i termini come interscambiabili.

Leggi di più a proposito di Demenza e Alzheimer: quali sono le differenze?