Biomarcatori nel plasma per migliorare la diagnosi di Alzheimer

Biomarcatori nel plasma per migliorare diagnosi Alzheimer

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Un nuovo studio si concentra sulle molecole di RNA nel plasma come biomarcatori per il morbo di Alzheimer,. permettendo così di individuare specifiche molecole per confermare precocemente la malattia.

I ricercatori della Mayo Clinic hanno identificato una nuova serie di marcatori molecolari nel plasma. La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di test clinici qualitativamente superiori, per la diagnosi dell’Alzheimer. Questa malattia, è la forma più comune di demenza. In tutto il mondo si stima che almeno 50 milioni di persone siano colpite da demenze. Di queste il 60-70% soffrono di Alzheimer. Solo Stati Uniti colpisce 6,2 milioni di persone. In Italia ne sono affette 600.000.

L’indagine della Mayo Clinic, pubblicata su eBioMedicine, è il primo lavoro che si concentra sulle molecole di RNA nel plasma come biomarcatori per il morbo di Alzheimer negli afroamericani – la popolazione a maggior rischio di sviluppare questa patologia. Tale approccio, ha permesso ai ricercatori di individuare molecole specifiche nel plasma. che potrebbero servire come marker per confermare una diagnosi di questa malattia per questa popolazione.

Lo studio si basa su una ricerca precedente che ha identificato i fattori di rischio genetici per il morbo di Alzheimer. e ha stabilito che le molecole di RNA nel plasma, potrebbero potenzialmente essere utilizzate come biomarcatori.

Una possibile svolta nell’individuare la malattia grazie ai biomarcatori

Nello studio, gli scienziati hanno esaminato le molecole di RNA messaggero del plasma in 151 afroamericani con diagnosi di Alzheimer. e 269 afroamericani diagnosticati come cognitivamente non compromessi .con punteggi scale di zero della Clinical Dementia Rating. I ricercatori hanno scoperto che quando i livelli plasmatici di sei molecole di RNA messaggero. – codificate dai geni CLU, APP, CD14, ABCA7, AKAP9 e APOE. – sono stati presi in considerazione nei loro modelli statistici,. hanno migliorato la loro capacità di identificare accuratamente. i partecipanti con una diagnosi di Alzheimer dell’8%. Gli scienziati spiegano che questo è un miglioramento,. rispetto ai modelli statistici che tengono conto solo. della presenza di fattori di rischio noti, come l’età e il sesso,. e se la persona è portatrice dell’allele APOE-e4 – un gene noto per aumentare il rischio di malattia di Alzheimer.

I ricercatori prevedono che questa scoperta potrebbe portare a uno screening più accurato del morbo di Alzheimer per tutti. In particolare per le persone e le comunità a maggior rischio

“Avere un pannello completo di biomarcatori da usare nello screening aiuterà nella diagnosi precoce del morbo di Alzheimer; e contribuirà anche alle strategie di intervento che possono ritardare e mitigare l’insorgenza della malattia”. Afferma Joseph Reddy, Ph.D., ricercatore di scienze sanitarie quantitative della Mayo Clinic e primo autore. “Questo potrebbe essere particolarmente rilevante per gli afroamericani. – una popolazione sottorappresentata nella ricerca sul morbo di Alzheimer. – che sono stati al centro di questo studio”.

Gli autori della ricerca prevedono che questa scoperta potrebbe contribuire allo sviluppo di opzioni di screening più accessibili e minimamente invasive, .consentendo una migliore gestione della malattia.

Molti test di screening per il morbo di Alzheimer possono non essere accessibili a tutti i pazienti. a causa del costo o della mancanza di disponibilità nelle strutture sanitarie della loro zona”; asserisce Minerva Carrasquillo, Ph.D., neurogenetista della Mayo Clinic e autrice senior. “Alcuni test si basano su complesse tecniche di imaging,. o sull’ottenimento di un campione di liquido cerebrospinale dal paziente. Ottenere un campione di plasma richiede solo un prelievo di sangue,. che è una procedura di routine nella maggior parte delle impostazioni cliniche”.

Gli stessi ricercatori indicano che le future ricerche si concentreranno sull’identificazione di ulteriori marker genetici nel plasma che potrebbero migliorare l’accuratezza dei test diagnostici del morbo di Alzheimer.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24