Nessun vaccino funzionerà come per magia contro il Coronavirus

Nessun vaccino funzionerà come per magia contro il Coronavirus

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Alla fine di ogni estate ci prepariamo per tornare a scuola, tornare al lavoro e persino iniziare a pensare al Natale. Ma quest’anno, la situazione sarà ben diversa. Mentre la pandemia da Covid-19 continua a riverberarsi a livello globale, non c’è dubbio che dobbiamo essere pronti ad affrontare una lunga strada da percorrere, sicuramente oltre la fine di quest’anno. Il fatto che un vaccino, insieme a trattamenti efficaci, sia la nostra unica vera strategia di uscita rimane invariato. La velocità e la portata dello sviluppo del vaccino sono state notevoli, ma è importante evitare false speranze. Nessun vaccino funzionerà come per magia. Per il ritorno alla normalità servirà ancora molto tempo.

Possiamo essere ottimisti sul fatto che presto vedremo i risultati dei primi vaccini in fase di sperimentazione clinica in fase avanzata. Tuttavia, dobbiamo mitigare questo discorso sul vaccino perfetto “dietro l’angolo” o l’idea che sarà una soluzione completa e immediata. Durante l’estate, i vari ricercatori di varie nazioni sparse in tutto il mondo hanno continuato a lavorare per garantire l’accesso a potenziali vaccini contro il Covid-19. La preoccupazione di molti consiste nel fatto che molti Paesi, quando troveranno la soluzione penseranno innanzitutto alla fornitura interna, piuttosto che condividere sin da subito i risultati.

Nessun vaccino funzionerà sin da subito: le prime versioni potrebbero non essere perfette

Il “primo” vaccino, o anche la prima generazione di vaccini, molto probabilmente non saranno perfetti. Meglio non illudere false speranze. La realtà è che con questi vaccini faremo piccoli passi per tornare a un senso di normalità, ma saremo ancora molto lontani dalla normalità a cui eravamo abituati fino allo scorso anno. I vaccini potrebbero non essere completamente efficaci in tutte le età o essere adatti a tutti i sistemi sanitari. È molto probabile che forniscano l‘immunità solo per un periodo limitato, anche di soli 12-18 mesi.

L’urgenza non deve essere fraintesa. Accelerare lo sviluppo di vaccini non deve significare compromettere la sicurezza. Deve essere affrontato un equo accesso a qualsiasi vaccino. Indipendentemente da dove provengano, devono inizialmente raggiungere i gruppi prioritari in tutto il mondo, in particolare gli operatori sanitari in prima linea e i più vulnerabili. La cooperazione globale è la chiave per far avanzare questi vaccini e riavviare l’economia. Se vaste parti del mondo rimangono chiuse a causa dell’accaparramento egoistico dei rifornimenti iniziali da parte delle nazioni più ricche, ne soffriremo tutti.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com