Crolla appartamento disabitato a Napoli, nessun ferito

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Crolla appartamento disabitato a Napoli, fortunatamente nessun ferito. Un abitazione completamente disabitata ha ceduto oggi, in Piazza Cavour proprio nel centro di Napoli. Il disfacimento completo dell’immobile è avvenuto intorno alle 8.00 del mattino. Le cause sono ancora in corso di accertamento. Nel crollo pericoloso è rimasta danneggiata anche la facciata della chiesa adiacente Santa Maria del Rosario alle Pigne conosciuta anche con il nome di “Rosariello”. Sul posto sono intervenute le autorità locali, i vigili urbani e quelli del fuoco. La zona è molto frequentata, accanto alla chiesa si trova la Salita Stella. Un crocevia molto bazzicato dagli automobilisti e pedoni, soprattutto nella parte parallela  proprio alla Piazza Cavour.

Crolla appartamento disabitato….la verifica alla chiesa adiacente

I vigili del fuoco hanno effettuato un sopralluogo anche all’interno della Chiesa adiacente. Sono entrati assieme ia padri, che celebrano le funzioni in chiesa per verificare eventuali danni alla struttura interna della chiesa stessa. Il luogo è regolarmente aperto al culto, anche se al momento del crollo la chiesa era chiusa ai visitatori. ” E’ un vero miracolo che non sia rimasto coinvolto nessuno”- Ha replicato un residente. ” Alle spalle della chiesa vi è anche un istituto scolastico  delle elementari. Questa è una parte della città molto frequentata”- Ha infine detto l’ abitante del quartiere. Anche le forze dell’ordine, oltre ad alcune unità della protezione civile hanno fatto una ricognizione nel luogo del crollo. Attualmente sono in corso delle indagini. A quanto pare l’appartamento era abbandonato e fatiscente. Inevitabili comunque le ripercussioni sul traffico delle autovetture.

La testimonianza della coperativa 25…giugno….

Racconta Amedeo Fasanella, componente della cooperativa 25 Giugno: ” Circa due mesi fa l’edificio ebbe un distacco di parte del cornicione, ma gli unici interventi che furono effettuati consistettero  in una recinzione con il nastro rosso”. ” Poco tempo fa, invece hanno aggiunto delle grate da cantiere e nulla di più”- Ha specificato Fasanella. “Ora è venuto giù tutto, un passante ha rischiato di essere travolto” – Ha infine detto l’appartenente cooperativa. L’uomo ha detto anche di avere effettuato lui stesso un sopralluogo alla struttura. Anche se i vigili urbani hanno evidenziato di non avere ricevuto nessuna segnalazione in merito dalla cooperativa.

Le segnalazioni dei sacerdoti e la chiesa

Il crollo ha interessato una chiesa molto importante  del 700, ad opera di Guglielmelli,  uno degli architetti più importanti dell’epoca.  Si tratta infatti di un’opera molto bella in stile barocco. Chiusa al terremoto già nel 1980 e poi riaperta nel 1997. In quel periodo iniziarono i lavori di consolidamento. ” Avevamo segnalato” – Ha detto il sacerdote – “Nei mesi scorsi alle autorità problemi alla statica dell’edificio”.  Le pietre cadute del palazzo hanno travolto anche alcune vetture in sosta. Questo crollo si poteva evitare? Magari effettuando controlli di tanto in tanto? Il comune non è responsabile? Quanti e quali controlli avvengono ogni anno? Fortunatamente nessuno si è fatto male, ma la prossima volta? Chi vigila per questioni di questo tipo? E perché malgrado le segnalazioni nessuno ha fatto nulla. Una vicenda da chiarire. Molti punti su cui fare luce.  E molte domande .

Fonte foto in evidenza

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24