Inter-Milan, Sacchi: “Ad un certo punto sembrava un derby tra scapoli e ammogliati. I nerazzurri hanno meritato la vittoria”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Inter-Milan, i nerazzurri battono i rossoneri 3-0 e volano in finale di Coppa Italia. Nella semifinale di ritorno di Coppa Italia, a “San Siro” l’Inter di Simone Inzaghi batte il Milan di Stefano Pioli per 3-0 grazie alla doppietta di Lautaro ed al gol di Gosens e stacca il “pass” per la finale di Coppa Italia dove l’11 maggio allo stadio “Olimpico” di Roma affronterà la vincente di Juventus-Fiorentina, match in programma questa sera all’ “Allianz Stadium” di Torino. In merito al derby vinto dai nerazzurri, Arrigo Sacchi ha espresso il proprio pensiero in un’intervista rilasciata alla “Gazzetta dello Sport”.

Sacchi, ecco il suo parere sul derby di Milano

“L’Inter ha aperto subito la partita con un bel gol di Lautaro e poi ha puntato sul contropiede. Ma a proposito del primo gol di Lautaro, chi lo marcava? Il Milan è stato troppo disattento e la dimostrazione si è avuta anche in occasione del raddoppio”.

“A un certo punto, dico la verità, mi sembrava una partita tra scapoli e ammogliati. Con queste modalità l’Inter è avvantaggiata rispetto al Milan, perché può sfruttare la maggiore qualità tecnica e la maggiore esperienza. Il Milan, soltanto se è compatto, se gioca “di squadra”, come un vero collettivo, può dire la sua. Altrimenti non c’è il pressing, non c’è l’organizzazione, non c’è la sinergia tra i reparti e tra i singoli. Se i rossoneri sono sparpagliati per il campo, mostrano tutti i loro limiti”.

Autore dell'articolo: Gaetano Masiello