Codici: le truffe romantiche colpiscono ancora, attenzione soprattutto ai social

La banda delle truffe romantiche, 18 indagati

Condividi su:

 

SPOLETO (PERUGIA) – Erano specializzati in truffe romantiche, ovvero instauravano legami sentimentali virtuali per estorcere alla vittima denaro. Personale della polizia di Stato, coordinato dalla procura della Repubblica di Spoleto, ha dato esecuzione a 18 decreti di perquisizione nei confronti di altrettante persone indagate per i reati di truffa, ricettazione e riciclaggio, nell’ambito di un’indagine legata, fra l’altro, alle cosiddette “truffe romantiche”. Il giro di affari sarebbe stato di oltre un milione di euro in due anni.

La banda delle truffe romantiche, 18 indagati

Gli accertamenti, avviati a seguito della presentazione di numerose querele da parte delle vittime di truffe romantiche e di altri reati hanno consentito di delineare una rete criminale – riferisce la questura di Perugia – articolata su due livelli: il primo livello si occupava di creare falsi profili al fine di adescare ignare vittime; il secondo livello aveva l’incarico di mettere a disposizione i propri conti o di reclutare persone disposte a fornire, talvolta inconsapevolmente, il proprio conto corrente per far confluire le transazioni illecite in cambio di una percentuale già stabilita dal gruppo criminale.

Gli indagati – spiega la polizia – sono stati in grado di raggiungere vittime in svariati paesi europei ed extraeuropei. In particolare, una volta ottenuto il contatto con la potenziale vittima su un social network, la stessa veniva coinvolta in un legame affettivo virtuale tale da convincerla a versare spontaneamente somme di denaro.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24