Anziani soli in estate: truffe in aumento, come difendersi?

“Siamo dipendenti della società gas-acqua, dobbiamo effettuare dei controlli sulle tubature. Metta gioielli e contanti dentro un sacchetto e lo nasconda in bagno, così eviterete che a contatto con il gas si rovinino”. In questo modo due coniugi 85enni di San Polo d’Enza, nel reggiano, sono stati derubati di un migliaio di euro e un orologio d’oro. I due malviventi si sono poi volatilizzati con il bottino, senza lasciare tracce. Questo è solo uno dei tanti casi di truffa ai danni di anziani soli, nonostante i continui inviti delle forze dell’ordine a diffidare dagli estranei.

Le truffe ai danni degli anziani soli: consigli utili

  • Anzitutto, mai aprire la porta di casa agli sconosciuti, anche se indossano una divisa o dichiarano di lavorare per le aziende pubbliche. Nessun ente manda dei dipendenti a casa per sostituire banconote false date per errore, ad esempio, per rimborsi o per riscuotere il pagamento delle bollette;
  • Diffidare sempre degli estranei, e mai mandare i nipotini ad aprire la porta. Controllate sempre dallo spioncino a ogni scampanellata. In caso di lettere, pacchi o altro chiedete che vi vengano lasciati sullo zerbino o nella cassetta della posta;
  • Per le operazioni di prelievo e versamenti, sia in un ufficio postale che in banca, fatevi accompagnare da qualcuno. Specialmente nei giorni in cui dovete riscuotere la pensione, o effettuare dei pagamenti nelle scadenze generalizzate;
  • Durante il tragitto verso uffici postali e banche (con i soldi in tasca) mai fermarsi a parlare con degli sconosciuti, o lasciarsi distrarre da richieste di informazioni;
  • Figli, nipoti e altri parenti: abbiate cura di non lasciarli soli, anche se abitano altrove. Fatevi sentire spesso al telefono, se abitate lontani, interessatevi al loro stato di salute e ai problemi che devono affrontare quotidianamente;
  • I vicini di casa: tenete d’occhio gli anziani nel vostro palazzo, se ce ne sono. Esortateli a chiedere la vostra presenza, nel caso abbiano dubbi su alcune “visite” inaspettate. In questo modo si sentiranno più sicuri. Chiamate il 113, se notate circostanze sospette che coinvolgono il vicino di casa anziano.
  • Impiegati di banca e uffici postali: Se allo sportello una persona anziana fa una richiesta di contante molto più alta del solito, perdete un paio di minuti per indagare discretamente. Spiegategli che all’esterno degli edifici nessun dipendente effettua controlli.

Via