Nonno muore nel bosco, il nipote si perde in cerca di aiuto

Nonno muore nel bosco, il nipote si perde in cerca di aiuto

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La tragedia è avvenuta nel primo pomeriggio di sabato 5 agosto, e avrebbe potuto avere conseguenze ancora più dolorose. Per fortuna, si è conclusa nel migliore dei modi. Almeno per il 12enne milanese che si è trovato a dover fronteggiare un’emergenza più grande di lui. Nonno e nipote stavano facendo una passeggiata nei boschi di Introd, paese amato dai papi Benedetto XVI e Giovanni Paolo II (Valle d’Aosta) quando d’improvviso l’uomo si è accasciato a terra per un malore.

[adrotate banner=”6″]

Il 12enne, dopo aver visto il nonno accasciarsi, si è perso nei boschi per cercare aiuto

In preda al panico e rimasto completamente da solo, il 12enne ha cercato di chiamare qualcuno ma invano. Sul suo cellulare non era visibile nemmeno una tacca e, nel tentativo di prendere la linea, si è allontanato fino a perdere l’orientamento tra i boschi. Solo dopo aver girovagato a lungo è riuscito finalmente a trovare un punto favorevole per chiamare il 118. Al telefono ha poi fornito le giuste indicazioni del luogo in cui si trovava. Avvistato dell’elicottero della protezione civile, è stato portato in salvo dai vigili del fuoco.

Durante la loro escursione tra i boschi, a un certo punto il nonno aveva rallentato il passo dicendo di sentirsi male, quindi si era accasciato a terra privo di sensi e non si era più ripreso. La causa del malore, secondo i primi rilievi, è da imputare a un infarto. Il 12enne inizialmente è rimasto impietrito dal terrore ma, resosi conto della gravità della situazione, ha iniziato a camminare nel bosco con lo smartphone in mano, fino a perdersi. Quando è riuscito a raggiungere una zona coperta dalla rete, e ad effettuare la chiamata, per il nonno era ormai troppo tardi.

Ritrovato e affidato alle cure dei parenti e di uno psicologo

Il ragazzino è stato ritrovato tra Introd e Rhemes – Saint- George, lungo una strada poderale, spaventato e confuso. I medici dell’elisoccorso lo hanno subito visitato per escludere eventuali traumi o ferite, quindi è stato affidato alle cure dei parenti e dello psicologo del Nucleo psicologico d’emergenza.

Via

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. Amante della formula uno e appassionato dell'occulto. Sono appassionato di oroscopo mi piace andare a vedere cosa dicono le stelle quotidianamente.