La Sardegna riapre le spiagge

La Sardegna riapre le spiagge. Inizia la nuova fase

 

La Sardegna riapre le spiagge, inizia così la nuova fase nell’isola dove ci saranno anche le riaperture di tutte le attività. L’ordinanza del presidente Christian Solinas è arrivata ieri notte e da oggi, lunedì 18 maggio la Sardegna è pronta per la vera ripartenza. Da oggi, infatti ci sarà il libero accesso a tutte le spiagge dell’isola. Ma attenzione, il tutto verrà seguendo i protocolli di sicurezza. La nuova ordinanza infatti, prevede lìobbligo di mascherina in tutti i locali aperti al pubblico e anche nei luoghi all’aperto nello specifico “laddove non sia possibile mantenere il distanziamento di almeno un metro”. La popolazione potrà quindi andare al mare a godersi il panorama, il sole e a farsi anche una passeggiata, il tutto nel rispetto delle distanze di sicurezza volte ad arginare la diffusione del virus. Perché ricordiamo, questa nuova fase è solo una fase di convivenza col virus, in quanto l’emergenza sanitaria non è terminata.

La Sardegna riapre le spiagge, la situazione

In Sardegna arriva il libero accesso alle spiagge. L’ordinanza del presidente della regione è chiara. Ma il tutto nel rispetto delle regole e del distanziamento sociale. Nell’ordinanza infatti, lo stesso ha precisato: ” L’ordinanza prevede il ritorno di restrizioni nel caso si superi l’indice di trasmissibilità (Rt) dello 0.5″. Allo stato attuale nell’isola, secondo l’ultimo report dell’Istituto superiore di Sanità, l’Rt si attesta a 0.24,  e risulta essere il più basso d’Italia. Ricordiamo inoltre che fino al 2 giugno resta obbligatoria la quarantena di 14 giorni per chi arriva in Sardegna, che deve anche ‘autodenunciarsi’. Permangono infine il divieto di assembramento e l’obbligo di indossare la mascherina nei locali aperti al pubblico e anche quando si sta all’aperto qualora non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza

Non resta che attendere per capire come si evolverà la situazione e se il senso civico del popolo primeggerà.

Fonte foto: https://it.wikipedia.org/

 

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *