Legnini fa il punto sulla ricostruzione

Legnini fa il punto sulla ricostruzione

 

ANCONA – Legnini fa il punto sulla ricostruzione. Ecco, infatti, che cosa ha riferito il commissario straordinario alla ricostruzione tracciando un bilancio, in videoconferenza, a 4 anni dalla grande scossa del 30 ottobre 2016:

“La ricostruzione del Centro Italia colpito dal sisma del 2016 sta avanzando nel 2020 con un ritmo sostenuto, nonostante le difficoltà legate alla pandemia e al cambio della normativa. Le mille famiglie che hanno potuto fare ritorno a casa ne sono una testimonianza”.

Legnini fa il punto sulla ricostruzione

Una buona notizia. Ma non è tutto.

“Nel corso dell’anno – ha spiegato Legnini – sono state approvate dagli Uffici Speciali ben 1.871 pratiche per la riparazione o la ricostruzione degli edifici danneggiati dal sisma, che sono arrivati a ottenere il contributo e dunque in condizione di far partire i lavori”.

Tra fine giugno e il 26 ottobre “sono terminate le opere in oltre mille cantieri, permettendo il rientro a casa di altrettante famiglie”. Nel 2020, dice Legnini, i cittadini hanno presentato “2.578 richieste di contributo, di cui 1.240 per danni lievi e 1.338 per gli edifici con danni gravi. Le domande presentate, al 26 ottobre 2020, arrivano così a 14.641″.

“L’ammontare delle risorse a favore della ricostruzione potrebbe aumentare considerevolmente con l’approvazione del pacchetto sisma del Recovery plan nazionale, sottoposto al governo e ai presidenti delle Regioni, su incarico del presidente del Consiglio. Le schede appena consegnate all’esecutivo prevedono cinque interventi. Alcuni destinati a tutti i territori dove si sta ricostruendo dopo una catastrofe. Altri specifici per il Centro Italia colpito dai terremoti del 2009 e del 2016 che puntano a una ricostruzione sicura, sostenibile e connessa”.

E non è finita. Tra gli interventi si individua anche un Superbonus edilizio esteso nel tempo e rafforzato nei tetti di spesa ammessa. Sarà accessibile anche agli edifici produttivi ma con il ripristino dell’obbligo del miglioramento sismico, oggi non richiesto, oltre che dell’efficienza energetica. Molto interessante. Decisamente.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24