Meloni chiede che fine ha fatto il decreto aprile

Meloni chiede che fine ha fatto il decreto aprile

 

ROMA – Giorgia Meloni chiede che fine ha fatto il decreto aprile. Infatti, in un post pubblicato oggi pomeriggio sulla sua pagina Facebook, la leader di Fratelli d’Italia afferma quanto segue:

“Il Governo Conte è composto da 65 membri tra premier, ministri, viceministri e sottosegretari. A questi si aggiungono staff, segretari generali, capi di gabinetto, segreterie tecniche, uffici legislativi e dirigenti di ogni ordine e grado della Presidenza del Consiglio e dei Ministeri. Non solo: abbiamo anche ben 15 task force, ripeto 15, composte da oltre 450 tra esperti e consulenti. Oggi è domenica 19 aprile ma del famigerato “decreto aprile”, annunciato a marzo insieme al Cura Italia, non c’è ancora traccia: perché? Qualcuno può dirci cosa sta facendo questo esercito di persone? Famiglie e imprese aspettano!”.

Meloni chiede che fine ha fatto il decreto aprile

In un altro post, scritto poco prima, Giorgia Meloni torna invece a parlare del Mes e, soprattutto, del cosiddetto “Mes light”:

“Mes light? Solo per un anno, poi arrivano le condizioni rigide (e forse la Troika). Chi lo dice? Il numero 1 del Mes in persona. Oggi sul Corriere della Sera Klaus Regling, direttore del MES, conferma quello che abbiamo denunciato in queste settimane: “La condizionalità concordata all’inizio non cambierà durante il periodo nel quale la linea di credito è disponibile”. Poco sotto dice che sarà disponibile per un anno. Il che vuol dire che dopo un anno, mentre saremo impegnati a restituire i soldi al Mes, scatteranno le rigide condizionalità”.

Per la Meloni tutto questo significa soltanto una cosa:

“Tradotto: ci attirano nella trappola per topi e tra un anno scatta la tagliola. Chi racconta la favola del “Mes light” sta mentendo agli italiani”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24