Milan-Inter ancora polemiche: il mancato doppio giallo al rossonero non va giù e Luca Marelli dice…

 

Milan-Inter fa già parte della storia di questo campionato di Serie A, ma le polemiche non mancano mai, pensate in un derby tra l’altro finito per 3-2. Impossibile in qualsiasi Milan-Inter non trovare degli episodi da moviola o polemici in generale. Ai nerazzurri non va giù il mancato doppio giallo a Theo Hernandez al minuto 70 con ancora tanto tempo da giocare in eventuale superiorità numerica. In effetti i dubbi restano, il forte terzino rossonero sembra disinteressarsi del pallone e andare dritto su Dumfries, intervento sicuramente al limite. Della serie: se fischiato e accordato il doppio giallo a Theo Hernandez sarebbe stato forse eccessivo, se non fischiato sarebbe stato come poi sono andate le cose, eccessivo nell’altro senso. Luca Marelli di Dazn prova a spiegarci il suo punto di vista di questo caldo Milan-Inter.

Le parole di Luca Marelli di DAZN sull’episodio Theo-Dumfries

Luca Marelli dai microfoni di DAZN prova a spiegarci l’episodio dubbio che non ha portato al secondo doppio giallo a Theo Hernandez come richiedevano a gran voce i nerazzurri, che ancora oggi non si danno pace. Theo Hernandez al 70′, già ammonito, ha steso Dumfries involato sulla fascia. Luca Marelli, sembra propendere per l’errore di Chiffi: “Un episodio che legittimamente può aprire una discussione sulla decisione di Chiffi. Dumfries si invola, fa passare il pallone e Theo Hernandez, superato, non si preoccupa più del pallone ma si preoccupa soprattutto dell’olandese. Allarga molto il braccio e poi lo tocca anche sulla gamba destra. In caso di fischio, il secondo giallo sarebbe stato automatico vista l’azione potenzialmente pericolosa. VAR tagliato fuori”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Milano