Muore usuraio, moglie e figlio lo sostituiscono: arrestati

 

MILANO – Muore usuraio, moglie e figlio lo sostituiscono: arrestati. Una donna di 60 anni e un uomo di 41 anni sono infatti accusati di estorsione e usura nei confronti di un imprenditore. È l’ipotesi formulata dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Milano, che ha ordinato l’esecuzione di una misura cautelare eseguita oggi dai carabinieri della Compagnia di Corsico.

I due, incensurati, avrebbero prima affiancato l’attività di usura del marito e padre, con precedenti per droga, malato, sostituendosi poi a lui, una volta defunto nel 2021, per prendere in mano le redini dei ‘prestiti’.

Muore usuraio, moglie e figlio lo sostituiscono: arrestati

Il provvedimento scaturisce dalle indagini avviate nel maggio 2021 dalla compagnia di Corsico in seguito alla ricezione di una querela presentata da un imprenditore edile che a causa del grave stato di difficoltà economica, nel bimestre settembre/ottobre 2020 aveva ottenuto dal defunto marito e padre dei due indagati (al quale si era rivolto anche nel 2017 per un prestito di 35mila euro, successivamente estinto) un’ulteriore elargizione di 22mila euro a condizioni usurarie, a un tasso di interesse mensile del 10%.

Nel corso degli accertamenti sarebbe stata accertata “l’abitualità con cui gli indagati erano dediti ad usura sul territorio milanese, nonché documentate condotte intimidatorie”. Sarebbero 225 mila gli euro prestati a usura ad altri sette piccoli imprenditori. I Carabinieri hanno precisato che i due familiari non sarebbero legati alla criminalità organizzata.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24