Operazione al cervello in Sudafrica

Operazione al cervello in Sudafrica

 

Operazione al cervello in Sudafrica. Le immagini del delicato intervento di neurochirurgia fanno il giro del web.

Si diffonde anche il video che va a immortalare l’uomo mentre suona la chitarra. Intorno a lui, i medici che hanno affrontato 6 ore d’intervento per asportargli un tumore dal cervello.

Tutto mentre i chirurghi  tentavano di ripristinare le funzioni dei movimenti delle dita, una complicazione dovuta al tumore.

Operazione al cervello in Sudafrica

fonte immagine

Arrivano le straordinarie immagini di un’operazione al cervello effettuata su un musicista Jazz in Sudafrica.

Dopo ben 6 ore d’intervento, l’uomo torna a suonare la sua chitarra. La cosa strabiliante è che i chirurghi operano in anestesia locale e chiedono al musicista di suonare la stessa, a poche ore dalla fine dell’operazione.

Un musicista Jazz di 47 anni, Musa Manzini è operato al cervello per rimuovere un tumore.

L’operazione è stata eseguita all’INKOSI ALBERT LUTHULI CENTRAL HOSPITAL di Durban.

I chirurghi, per evitare che il musicista subisse la paralisi e, di conseguenza la perdita della funzione cerebrale nel controllo del Movimento volontario, chiedono al 47enne di suonare verso la fine dell’intervento.

Questo soprattutto per tenere sotto controllo determinate funzioni. Prima fra tutte le funzioni dei movimenti delle dita.

L’equipe medica si ritiene soddisfatta soprattutto perché ha potuto verificare in tempo reale le condizioni di Manzini. Il musicista ha suonato la chitarra mentre i medici controllavano che fosse tutto regolare.

L’asportazione del tumore è andata a buon fine. Far suonare il paziente, come spiega il medico Rhoen Harrichandparsad, è stato importante. In questo modo è reso possibile tenere tutto sotto controllo intanto che il tumore fosse rimosso.

Il Manzini dopo 6 ore d’intervento torna a suonare la sua chitarra. Il delicatissimo caso di neurochirurgia ha superato di gran lunga le aspettative dei medici. Adesso al paziente spetta una lunga convalescenza.

Leggi anche

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24