L’ultima stagione da calciatore di Paolo Pablito Rossi foto

L’ultima stagione da calciatore di Paolo “Pablito” Rossi

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

L’ultima stagione da calciatore di Paolo “Pablito” Rossi.

Paolo Rossi è stato indubbiamente l’attaccante più forte che il calcio italiano abbia mai avuto.

Per lui parlano le cifre e i record che ha stabilito durante la sua lunga carriera:

Ha vinto un campionato in Serie B, due in A, una Coppa Italia, una Coppa dei Campioni, Una Coppa Uefa, una Coppa delle Coppe e con la nazionale il Mondiale in Spagna nel 1982.

Di quest’ultimo fu anche l’indiscusso dominatore con sei gol che gli valsero la classifica cannonieri e in seguito la Scarpa d’Oro e il Pallone d’Oro.

L’ultima stagione da calciatore di Paolo “Pablito” Rossi: in Serie A, con la maglia dell’Hellas Verona

Paolo Rossi iniziò a giocare a calcio fra i professionisti con la Juventus dal 1972 al 1975. Poi la cessione (per un anno) al Como e le tre stagioni con il Lanerossi Vicenza, squadra che lo lanciò definitivamente.

In seguito vestirà la maglia di Perugia, Juventus e Milan. Fu però con l’Hellas Verona che concluse la sua carriera nel 1986-1987. La squadra, a fine campionato, si classificò al quarto posto dietro al Napoli di Maradona, la Juventus di Serena e l’Inter di Altobelli. Un ottimo piazzamento a cui anche Paolo Rossi diede il suo contributo.

La stagione in gialloblù

Appena tre anni prima Paolo Rossi era comparso anche nel film “L’allenatore nel pallone” di Sergio Martino assicurando che avrebbe vestito la stagione successiva “una maglia a strisce”.

Così fu. Nel 1986 però Osvaldo Bagnoli, che nel 1985 aveva vinto il campionato proprio con l’Hellas Verona, lo volle nella sua squadra. Con lui in attacco c’erano anche l’eroe dello scudetto, Preben Elkjær Larsen, un giovane Ferdinando Gasparini e Marco Pacione.

Il suo primo gol in campionato con i gialloblù fu contro l’Avellino, su rigore. Con esso sbloccò anche la partita, finita poi in pareggio 2-2. Poi un altro rigore con cui decretò la vittoria contro il Como dell’indimenticato Emiliano Mondonico. Che dire poi del gol con cui l’Hellas Verona si impose contro il Torino? Era sempre lui, con il suo talento eccezionale… L’ultima marcatura avvenne poi (nuovamente su rigore) con l’Udinese di Edinho e del suo amico Francesco Graziani. Quell’anno però in Coppa Italia siglò anche una doppietta con il Campobasso e un gol contro il Bari. A fine stagione si ritirò dal calcio giocato ma rimase per sempre nei cuori dei tifosi gialloblù.

Il tributo dell’Hellas Verona

L’Hellas Verona non poteva non dedicargli un post oggi. Lo riportiamo integralmente qui di seguito:

Nella nostra storia, nella storia di tutti gli italiani, nella storia del calcio Mundial.

Ciao Pablito!”.

Paolo Rossi vivrà per sempre nei ricordi di ogni tifoso gialloblù. E’ però l’Italia intera che oggi piange il suo più grande campione. Noi di webmagazine24 lo abbiamo voluto ricordare così. Ciao Pablito!

Forse ti può interessare anche:

 

La foto nell’articolo “L’ultima stagione da calciatore di Paolo ” Pablito” Rossi” è tratta dalla pagina facebook dell’Hellas Verona

 

 

 

 

Autore dell'articolo: Marco Vittoria