Ozzy Osbourne

Ozzy Osbourne sta bene, l’intervento chirurgico è riuscito

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Ozzy Osbourne sta bene. L’intervento chirurgico è riuscito. Il Principe delle Tenebre è stato dimesso dalla clinica in cui è stato ricoverato per un delicato intervento al collo. Quest’operazione era molto importante per lui, e da qui dipende il resto della sua vita. Attualmente il rocker sta bene e si sta riprendendo.

Le condizioni di salute

Ozzy sta bene. I fan potranno gioire. Il rocker è stato dimesso dall’ospedale di Los Angeles in cui è stato ricoverato per la delicata operazione. L’intervento, determinante per il continuo della sua carriera artistica, è andato a buon fine, secondo quanto ha detto sui social la moglie e manager Sharon Osbourne.

Il musicista, come si vede anche da alcune foto pubblicate sui giornali, ha lasciato sulla sedia a rotelle l’ospedale. Secondo la moglie sta bene e si sta riprendendo. Ora lo attende un periodo di riabilitazione.

Ozzy Osbourne sta bene

I fan di tutto il mondo potranno dunque tirare un sospiro di sollievo per il buon esito dell’intervento. Ozzy Osbourne, 73 anni, è stato operato lunedì scorso per riallineare le viti e le placche di ferro poste nella sua colonna vertebrale dopo l’incidente sul quad del 2003 che aveva rischiato di paralizzarlo. Nel 2019 oltretutto il cantante è stato anche vittima di una brutta caduta casalinga che ha peggiorato le sue condizioni di salute.

Ora però, con l’intervento andato a buon fine, la moglie Sharon nutre grandi speranze per il futuro: “La famiglia ringrazia per le manifestazioni di affetto prima dell’operazione” ha scritto sui social. “Ozzy sta bene ed è in via di guarigione. Il vostro amore vuol dire molto per lui”, ha scritto Sharon. Ora sicuramente lo attenderà un periodo di riabilitazione. E tra qualche tempo ci sarà modo di valutare la ripresa del musicista, che soffre anche del morbo di Parkinson. Per tanti fan la speranza è quella di vederlo nel 2023 sui palchi europei.

Autore dell'articolo: Alessio Bardelli