pazzo meteo

Pazzo meteo: che succede a questo maggio?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Pazzo meteo: che succede a questo maggio? Un inizio un po’ atipico: caldo, freddo e anche neve. Alternanza alla quale non siamo abituati

Un tempo autunnale-invernale quello che, in queste ore, ci presenta il pazzo meteo di maggio; in realtà è da parecchio che il tempo è ballerino.

E’ vero che le mezze stagioni non esistono più, che maggio “adagio, adagio”, ma così è davvero troppo: in Abruzzo (e non solo) è tornata la neve.

Come a Schiavi d’Abruzzo dove si è vista la neve oppure in Toscana dove la temperatura è arrivata a 5/6 gradi e sottozero nell’Appennino.

Addirittura in Trentino si parla di allarme gelate.

Sul sito dell’Aeronautica infatti si legge:

Sul territorio nazionale si rileva la presenza di un esteso cut-off in spostamento verso sud-est ed in graduale colmamento.

Dal pomeriggio ciò lascerà gradualmente spazio ad una sensibile risalita del geopotenziale, per l’ingresso di un promontorio di origine atlantica a partire dalle regioni occidentali.

Domani si prevede una tregua anche se breve: mercoledì infatti è prevista una nuova perturbazione che inizierà dal Nord Italia.

Ecco, nel dettaglio, le previsioni meteo per domani secondo 3B Meteo:

Nord: Bel tempo in giornata con innocue velature, tra sera e notte peggiora al Nordovest con deboli piogge e nevicate sulle Alpi dai 1800m. Temperature in rialzo, massime tra 16 e 21;

Centro: Alta pressione e bel tempo prevalente con qualche innocua velatura in transito in giornata. Temperature in lieve aumento, massime tra 16 e 18;

Sud: Residua variabilità su Puglia, Appennino e basso Tirreno ma senza fenomeni e in assorbimento in giornata. Bel tempo altrove. Temperature in lieve rialzo, massime tra 15 e 18.

Quanto durerà questo pazzo meteo?

Sempre secondo 3B Meteo, l’instabilità non lascerà l’Italia:

Nel periodo 14-15 maggio, un promontorio anticiclonico dovrebbe rafforzarsi dal Nord Africa verso Spagna, Francia e Regno Unito dove si potrebbero avere i primi caldi estivi.

Di contro, sul bordo orientale dell’anticiclone, masse d’aria relativamente più fresche dai quadranti settentrionali, punterebbero i Balcani ed il Mar Nero al seguito di veloci perturbazioni.

L’Italia si troverebbe a metà strada tra queste due tipi di circolazioni con un tempo tra il variabile e l’instabile.

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.