Pensione anticipata Quota 103: tutto quello che devi sapere sui requisiti, beneficiari e vantaggi e svantaggi.

 

Quota 103, come funziona e cosa cambia per il lavoratore che vuole andare in pensione anticipata nel 2023

La Legge di Bilancio per il 2023 introduce un’importante novità per quanto riguarda la possibilità di pensionamento anticipato, chiamata “Quota 103”, che consente ai lavoratori dipendenti di andare in pensione con 63 anni di età e 36 anni di contributi.

Ma non solo, la Legge di bilancio 2023 prevede anche un incentivo per la prosecuzione del lavoro per chi entro il 31 dicembre 2023 abbia raggiunto i requisiti per la “Quota 103”. Il dipendente che intenda proseguire con l’attività lavorativa potrà richiedere al datore di lavoro il versamento in proprio favore dell’importo corrispondente alla quota di contributi a carico del lavoratore per la gestione pensionistica non è più dovuta, con conseguente esclusione sia del versamento che dell’accredito della quota stessa.

Pensione anticipata ultime notizie Quota 103: i requisiti per accedere alla nuova agevolazione

La Legge di Bilancio 2023 ha introdotto una nuova versione di pensione anticipata, chiamata Quota 103. Anche questa opzione prevede requisiti in deroga rispetto alle condizioni previste per le pensioni ordinarie, ma con un’età anagrafica inferiore rispetto alle versioni precedenti di Quota 100 e Quota 102.

Requisiti per accedere alla Quota 103

Per poter beneficiare della pensione anticipata Quota 103, è necessario soddisfare i seguenti requisiti:

  • Aver raggiunto 41 anni di contributi previdenziali entro il 31 dicembre 2023
  • Aver compiuto 62 anni di età anagrafica

Chi può richiedere la Quota 103

La Quota 103 può essere richiesta da tutti i lavoratori nati entro il 1961 che sono iscritti all’Assicurazione Generale Obbligatoria o alle forme esclusive e sostitutive della stessa, nonché alla gestione Separata INPS.

 Quota 103 come funziona cumulo contributi

La Quota 103 è una pensione anticipata con requisiti in deroga rispetto alle condizioni previste per i trattamenti ordinari della legge Fornero. Ciò significa che i lavoratori possono accedere alla pensione prima rispetto ai requisiti previsti dalla legge Fornero, ma con requisiti contributivi e anagrafici più gravosi rispetto a Quota 100 e Quota 102.

Il requisito di 41 anni di contributi previdenziali può essere raggiunto anche in regime di cumulo, ovvero sommando i contributi versati per più lavori svolti in diversi periodi.

Vantaggi e svantaggi della Quota 103

La Quota 103 offre la possibilità di accedere alla pensione anticipata con requisiti meno stringenti rispetto a quelli previsti dalla legge Fornero. Tuttavia, essa richiede un requisito contributivo più alto (41 anni di contributi) rispetto a Quota 100 e Quota 102 (38 anni di contributi) e un’età anagrafica inferiore (62 anni) rispetto alle versioni precedenti (64 anni).

In generale, la Quota 103 rappresenta un’opzione flessibile per coloro che vogliono andare in pensione prima rispetto ai requisiti previsti dalla legge Fornero, ma è importante valutare attentamente i requisiti e i vantaggi e svantaggi prima di richiedere questa opzione. Si consiglia di consultare un professionista del settore previdenziale per una valutazione dettagliata della propria situazione e per avere informazioni più precise.

Legge di bilancio 2023,  l’incentivo alla prosecuzione del lavoro per chi ha i requisti al “pensionamento anticipato Quota 103”

Se il lavoratore sceglie di esercitare questa facoltà, il datore di lavoro non ha più alcun obbligo di versare i contributi per l’assicurazione generale obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti dei lavoratori dipendenti. La somma corrispondente alla quota di contribuzione a carico del lavoratore che il datore di lavoro avrebbe dovuto versare all’ente previdenziale, sarà invece corrisposta interamente al lavoratore.

La definizione delle modalità attuative della norma sarà demandata a un decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, da emanarsi, in collaborazione con il Ministro dell’economia e delle finanze, entro 30 giorni dal 1° gennaio 2023.

 

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. Amante della formula uno e appassionato dell'occulto. Sono appassionato di oroscopo mi piace andare a vedere cosa dicono le stelle quotidianamente.